Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

Cassa Integrazione in Telecom

I giornali non ne parlano, le televisioni non ne parlano, le radio non ne parlano nessuno osa schierarsi contro lo strapotere del Cavaliere del lavoro ragioner Colaninno e di chi lo appoggia. Forse internet e’ l’unico mezzo di comunicazione rimasto per comunicare questa denuncia.

TELECOM ITALIA STA METTENDO IN CASSA INTEGRAZIONE PER 2 ANNI 2200 LAVORATORI.
Sono gia’ state consegnate centinaia di lettere. La prima trance prevede la CIGS (Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria) per 818 dipendenti, 690 sul solo territorio di Roma e 128 su Torino.

Sono stati messi in CIGS giovani (16 mesi di anzianita’ di servizio) e meno giovani (3/4 anni alla pensione) laureati e non, donne sole con figli a carico, persone mono reddito, invalidi del lavoro, entrambi i coniugi!!! Quasi il 70% delle persone messe in cassa integrazione sono donne.

Oltre a cio’ e’ utile sapere che:
* Telecom Italia spende circa 100.000.000.000 (parliamo di MILIARDI!!!) per ciascuna delle sue nuove pubblicità fatte da illustri personaggi.
* Il cavaliere del lavoro rag. Colaninno guadagna OGNI MESE 1 miliardo e 200 milioni!
* Gli utili di Telecom dello scorso anno sono stati superiori a 5 mila miliardi di lire (5050 miliardi per l’esattezza).
* Nel primo semestre 2000 Telecom Italia ha dichiarato un incremento del 7,5% degli utili rispetto all’anno precedente.
* Alcuni dirigenti di Telecom continuano a prendere “Una Tantum” (premi spot) fino a 400 milioni a botta per il raggiungimento di obiettivi concordati (ovvero per aver semplicemente fatto il loro dovere!).

Sono pero’ rimaste miracolosamente in servizio quasi tutte le mogli dei dirigenti (quelli che guadagnano 150/200 milioni l’anno) e degli “ammanicati”. Per mesi sono circolate voci sulle liste che venivano fatte e stravolte a piacimento dei superiori … il clima era orrendo, l’ansia e la paura di finire nella lista ha messo i dipendenti uno contro l’altro, come voleva il “capo”.

Il motivo dichiarato dall’Azienda e’: riorganizzazione interna.
Le poche notizie che circolano sulla Cassa Integrazione parlano di trattamenti a dir poco splendidi per i lavoratori interessati: 80% dello stipendio, corsi mirati di riqualificazione, reinserimento dopo i 2 anni…
E’ tutto falso! Le garanzie sono pressoche’ nulle, l’INPS offre un assegno che varia fra L. 1.090.000 e L. 1.295.000, l’80% dello stipendio si raggiunge solo chiedendo l’anticipo del proprio TFR, il reinserimento dopo due anni e’ riferito al “mondo del lavoro” (e non a Telecom Italia), con possibili livelli inferiori e mansioni “non troppo dequalificanti”.

In piu’ c’e’ l’obbligo di partecipare a corsi full immersion decisi da loro: un laureato esperto in informatica o un signore a 3 anni dalla pensione che corsi di riqualificazione fanno? …ma anche: le madri che hanno rinunciato alle baby sitter per risparmiare qualche soldo, a chi lasciano i figli?
Questa e’ la verita’, Colaninno chiede “Come volete che fosse il futuro?” e “caccia” 818 lavoratori, pescati tra 74 mila dipendenti dicendo loro che hanno conoscenze e capacita’ obsolete e che non sono riutilizzabili in azienda. 818 su 74.000 … questa e’ la verita’! Siamo stati umiliati e trattati come semplici numeri (818 un numero fatto di persone, questo potrebbe essere uno spot) e nessuno lo dice, nessuno lo sa.

L’altra cosa che e’ necessario che tutti sappiano e’ che la cassa integrazione e’ potuta partire in Telecom Italia solo grazie all’appoggio di CGIL CISL e UIL (UGL ha aderito all’accordo in un secondo momento).
Il ministro del lavoro on. Salvi, dovrebbe firmare l’accordo per la CIGS a fine ottobre, per questo e’ necessario muoversi ora, se passa questa cassa integrazione tutte le aziende in Italia, anche le piu’ floride, potranno farvi ricorso.

Per venerdi 13 ottobre 2000 e’ stato proclamato uno sciopero nazionale con manifestazione a Roma. L’appuntamento e’ alle 08.30 in Corso d’Italia 41 (sotto la sede Telecom). Aspettiamo tutti i dipendenti di Telecom Italia e quanti vorranno partecipare per dimostrarci il proprio sostegno e la propria solidarieta’. E’ un’opportunita’ unica per dimostrare la forza e la vitalita’ dei lavoratori.

Fate girare questa notizia, tutti devono sapere cosa sta accadendo in Telecom Italia …. farlo non vi portera’ gioia e ricchezze e non farlo non vi portera’ disgrazie e sventura. Stiamo solo cercando di COMUNICARE cio’ che i mass media provano a far passare sotto silenzio.
Grazie
Coordinamento cassa integrati di Telecom Italia

Commenti Facebook

6 thoughts on “Cassa Integrazione in Telecom

  1. ma Ë vera la storia che gli utili della telecom sono aumentati di oltre l”80% dall”anno scorso? Persone che lavorano lÏ mi hanno detto questo, ma allora come si spiega la cassa integrazione e il futuro aumento del canone, tra l”altro anche giustificato da alcuni? L”antitrust non fa niente? A chi ci si deve rivolgere? Grazie

  2. Ok Ë la solita storia…il pesce grosso mangia quello piccolo e l’italiano da bravo menefreghista pensa esclusivamente al proprio orticello, facendo finta di niente se quello del vicino brucia…ma poi non sa che le fiamme arriveranno anche al suo…e dir‡ ma com’Ë successo?.

    Spero solo che i dipendenti TELECOM siamo pi? solidali tra loro.

  3. I costi della tecnologia nelle telecomunicazioni si sta’ abbassando molto velocemente, mentre di contro aumenta la sua capacita’.La suddetta in passato e’ stata un’ottima base elettorale e ha assunto un forte esubero.Adesso sta per arrivare la vera concorrenza…e per i gestori italiani ci sar‡ poco da sorridere.Steve N.

  4. il nocciolo della questione Ë questo:

    Colaninno sta sbranando la Telecom senza un criterio di ristrutturazione industriale ma finanziaria…..i brandelli di telecom verrebbero spezzettati e messi sul mercato come societ‡ a se stanti per ottenere il massimo profitto azionario…la ristrutturazione interna non prevede la riorganizzazione delle attivit‡ deficitarie, che pure sarebbe possibile, ma il loro diretto smantellamento..per abbattere i costi in breve tempo e alzare il valore azionario..e ripagare i debiti…

  5. oltre alla cassa integrazione sono stati mandati in mobilita 7000 in uscita alla pensione.

    Ora con Tronchetti si mandano a casa altri 7000 e in seguito altri 5000 sempre in mobilita.

    Però si assumono migliaia di persone con contratti anomali ora di moda.

  6. Credo che sia solo l’inizio la Telecom fà acqua da tutte le parti

    la perdita di utenze è una emmoragia e continuerà per un bel pezzo.

    L’arroganza dei dirigenti Telecom è ben nota hanno sempre considerato gli utenti dei sudditi !!!

    Quindi caro signore i prossimi saranno licenziamenti datevi da fare per tempo!

Comments are closed.