Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

DRAGONBALL E PEDOFILIA

A partire da oggi, e’ attiva la sezione Manga, un settore in cui come sappiamo la censura opera fin troppo. Riportiamo quindi il contributo di chi e’ esperto del settore, e cioe’ l’,ADAM, Associazione Difesa Anime Manga.

Una denuncia riapre lo scontro sui cartoni giapponesi
Luca Raffaelli, nel suo libro cult “Le anime disegnate”, l’aveva definita “una vera guerra generazionale tra genitori e figli”, ma sarebbe piu’ corretto parlare di conflitto culturale, che vede contrapposti i cosiddetti “otaku italiani” (i ragazzi cresciuti “a pane e Mazinga”) ai rappresentanti dell’ortodossia cartonistica, che continuano a guardare ai prodotti giapponesi con un misto di paura e di pregiudizio. Non si tratta, infatti, di un semplice scontro tra generazioni (per risolvere il quale basterebbe aspettare un numero sufficiente di anni), ma di una vera guerra culturale, che si combatte purtroppo anche tra coetanei. E si tratta – va detto – di una guerra a senso unico poiche’, come rilevava ancora Raffaelli, spesso gli appassionati di animazione giapponese si interessano anche ad altre produzioni, mentre l’inverso e’ assai raro. Ma come e’ scoppiata, questa guerra?

Tralasciando la cronologia degli eventi, che mi riservo di trattare in un altro articolo, tutto nasce dalla sostanziale differenza di impostazione tra il cartone giapponese e quello tradizionale di marca disneyana. Quest’ultimo, che costituisce ancora un arbitrario metro di giudizio, vede infatti il prodotto d’animazione come “naturalmente” destinato ad un pubblico di giovanissimi, e che deve essere quindi pieno di dolcezza e buoni sentimenti. La produzione giapponese, al contrario, si rivolge soprattutto agli adolescenti e agli adulti, e ha quindi temi e linguaggi enormemente piu’ articolati e complessi. La “guerra”, dunque, nasce dall’incapacita’ di capire le peculiarita’ del cartone giapponese da parte di chi e’ cresciuto col modello disneyano; cosa che invece riesce perfettamente naturale a chi ne fruisce fin dalla piu’ tenera eta’. E questa incapacita’ di giudizio porta a manifestazioni di vera isteria collettiva allorche’, guardando distrattamente qualche scena a caso, ci si trova di fronte a situazioni lontane anni luce da quelle a cui si e’ abituati, come un combattimento tra robot giganti, la morte di un protagonista o una scena con allusioni erotiche. Tutte cose di fronte alle quali non si fa una piega, invece, se il mezzo narrativo e’ un film dal vivo.

E in questo contesto di scontro culturale si inserisce il fatto del giorno, ovvero la disputa giudiziaria che vede “Dragonball” accusato nientemeno che di istigazione alla pedofilia. Per chi non sia al corrente dei fatti – per i cui aggiornamenti rimando al sito di ADAM Italia- riassumo brevemente… Il 28 Ottobre di quest’anno, l’associazione “Cittadinanzattiva/Tribunale per i Diritti del Malato” presenta alla Procura di Roma un esposto-denuncia contro l’anime comics “Dragonball” di Settembre, segnalando “scene con evidente contenuto a carattere pedofilo e altre con evidente contenuto erotico”. La scena incriminata vede protagonisti il vecchio Muten, il “Genio della Tartaruga”, e la giovane Bulma, una ragazza che sta girando il mondo alla ricerca delle sette “Sfere del Drago” che danno il titolo alla serie. Poco prima, Bulma aveva incontrato Goku (personaggio tratto da un’antica leggenda orientale), un ragazzino cresciuto “fuori dal mondo”, il quale non aveva mai visto una femmina in vita sua. Cosi’, durante la notte, il piccolo e ingenuo Goku, per capire la differenza tra i sessi le aveva sfilato le mutandine a sua insaputa… Ora, nella scena incriminata, il vecchio Muten, noto pervertito, offriva la sua “Sfera del Drago” in cambio di una sbirciatina alla biancheria intima di Bulma, la quale acconsentiva senza rendersi conto di mostrare ben piu’ del voluto… Da cui l’effetto comico della situazione, in un fumetto non certo rivolto ai bambini, ma in cui il tratto grottesco-demenziale riduce praticamente a zero la potenziale carica erotica. E non dimentichiamo che, comunque, al giorno d’oggi i bambini conoscono il sesso molto piu’ di quanto i loro genitori si ostinino a voler credere…

Tornando alla denuncia, “Cittadinanzattiva” descrive la scena dicendo che “un anziano protagonista del fumetto invita una bambina a scoprirsi le parti intime e a mostrarle, cosa che puntualmente viene poi fatta nelle scene seguenti”, tralasciando tutto il contesto di cui sopra, definendo come “bambina” una ragazza che guida l’automobile e usa armi da fuoco, e inserendosi perfettamente nel discorso iniziale sull’incapacita’ di valutare un cartone non-disneyano. Gli appassionati, questa volta, non sono rimasti a guardare, e hanno tempestato di mail di protesta il sito dell’associazione, la quale si e’ vista costretta ad una rapida marcia indietro, ridimensionando dapprima le intenzioni dell’esposto e poi rettificando anche la rettifica con un secondo comunicato ancora piu’ morbido del primo. Ma la situazione si e’ complicata pochi giorni dopo, quando Raidue, con discutibile ma opportuna scelta di tempo, ha proposto in prima serata proprio il film da cui era tratto l’anime comics oggetto dell’esposto. E a questo punto, ad intervenire e’ stata un’altra associazione, il Moige, che ha denunciato il Direttore di Raidue all’Authority per le Telecomunicazioni. Credevamo di aver visto ormai tutto, e invece l’8 Novembre giunge la notizia che la magistratura ha ordinato una perquisizione presso la Yamato srl, distributrice delle videocassette, e posto sotto sequestro una parte del magazzino. E siamo certi che la vicenda sia solo all’inizio…

E tutto questo, per cosa?
Per una scena boccaccesca come tante altre, in cui comunque il pervertito viene dipinto come tale, e come tale fatto oggetto di scherno, in una pubblicazione a fumetti, mentre nella stessa edicola in cui si compra “Dragonball” fanno bella mostra di se’ copertine di settimanali anche “seri” e famosi che ostentano procacita’ femminili a tutto tondo, che ben poco lasciano all’immaginazione. Il sospetto – per non dire di piu’ – e’ che dietro queste “sparate” si nasconda il tentativo di nascondere all’opinione pubblica l’assoluta impotenza delle suddette associazioni nei confronti della pedofilia vera, che non si trasmette certamente attraverso fumetti e videogiochi. Meglio additare un fumetto giapponese al pubblico disprezzo (tanto si va sul sicuro, grazie a radicati pregiudizi) che ammettere che l’80% delle violenze sui minori avviene tra le mura di casa, dal padre, dallo zio, o dall’amico di famiglia.
Meglio illudersi di vivere in un mondo in cui “il cattivo” sia l’estraneo, meglio ancora se straniero, piuttosto che ammettere la realta’ dei fatti e affrontare seriamente il problema.

Noi otaku, nel difendere i fumetti e i cartoni giapponesi dai pregiudizi, cerchiamo di fare proprio questo: riportare l’attenzione sui problemi veri, allontanandola dai capri espiatori, e cosi’ facendo rendiamo all’infanzia violata un servizio molto piu’ concreto di quello delle associazioni che si vantano di tutelarla. E siamo pronti ad andare fino in fondo.

approfondimenti li trovate in Adam

Commenti Facebook

40 thoughts on “DRAGONBALL E PEDOFILIA

  1. Questa faccenda Ë vergognosa e preoccupante.
    Vergognosa perchË denunciare Dragonball per pedofilia Ë davvero ipocrita: Ë un fumetto divertente, con un tono leggero e le situazioni ammiccano ma sono ben lontane da contenere tematiche pedofile.
    Preoccupante perchË evidentemente chi dovrebbe non sa che pesci pigliare con i pedofili veri, ma deve far vedere che qualcosa viene fatto.

  2. Non Ë un fumetto, ma un cartone. Sono d’accordo sui principi, anche se non li sopporto, i manga di adesso… Sono rimasto al mito di Hiroshi, Tetsuya, ecc.

  3. Un anime comics, ancorchÈ ricavato da fotogrammi di un cartone animato, Ë un fumetto a tutti gli effetti, e l’esposto-denuncia di Cittadinanzattiva riguarda appunto questo.

    Nel caso del film trasmesso da Raidue ci troviamo invece di fronte alla denuncia del solo Direttore di Raidue all’Authority per le Telecomunicazioni.

    Sono due cose distinte e separate.

    Otaku

  4. Secondo me Dragonball e’ un manga destinato ad ogni fascia di et‡, perche’ non credo proprio che un bambino di 10 anni o gi? di lÏ possa vedere malizia o altro nel fumetto , secondo il mio umile parere la malizia la vede solo chi e’ malizioso.Dragonball anzÏ Ë pieno di buoni sentimenti e esempi positivi che la civilta’ di oggi sempre piu’ tralascia.Ho aperto un forum pubblico sperando che associazioni come cittadinanzattiva e il MO.I.GE si possano confrontare con noi, del resto credo che la civilta’ sta’ nel confronto libero e nel dialogo, e non nel prendere misure drastiche alla faccia della liberta’ di altri senza sentire i loro motivi.

    Gabrius

  5. Vi inoltro la mail che venerdi’ mattina ho spedito ad A.D.A.M. Racchiude tutte le mie sensazioni di quel momento terribile (arrivato dopo molti giorni di lotta).

    Ciao a tutti

    Michele.

    Contro la stupidit‡ neanche gli Dei possono nulla…

    — Friedrich von Schiller —

    —–Messaggio Originale—–

    Da: Michele Giuliano

    A: dragonball@adam.eu.org

    Data invio: venerdÏ 10 novembre 2000 11.45

    Oggetto: Peccato….

    Ragazzi, ho appena letto la notizia del sequestro. Mi sento impotente. Possibile che non c’Ë niente altro che possiamo fare oltre a lasciare mail di protesta? Mi sembra di vivere in un incubo. Un’incubo del passato. Io, se non si puÚ fare niente altro, smetto di lottare perchË sono stanco. Mi viene da piangere.

    Ciao,

    Michele.

  6. Non bisogna smettere di lottare Michele, perchË altrimenti l’avrebbero vinta e a questo punto continuerebbero a censurare anche altre opere e noi ci sentiremmo sempre pi? schiacciati dalla loro prepotenza. Mi rivolgo anche a queste associazioni perchË Ë vero, effettivamente cosÏ ci si sente scoraggiati ma non bisogna arrendersi mai e prima o poi, con l’aiuto di Dio, ce la faremo a togliergli le fette di prosciutto da occhi e orecchie e finalmente capiranno di aver sbagliato tutto!

  7. Non ho parole per quello che sta accadendo, amici miei appassionati. Anch’io mi sento cosÏ impotente come del resto anche ieri vedendo il bellissimo lungometraggio di Kimagure Orange Road in quello stato…con quelle voci, con quei nomi ora che abbiamo il nostro caro Kyosuke Kasuga in videocassetta per la Dynamic…e tutto il mondo sa che cosa la Mediaset ha combinato per Orange Road trasformandolo a suo tempo in quello schifo di E’ qusi magia Johnny)che coraggio a rimandarlo!Con quei doppiatori da schifo, quei dialoghi rovinati…e poi un FILM COSI’ IMPORTANTE con La sigla che fa da osceno involucro Johnny,Ë quasi magia Johnny oddio mio…

    Sapete questi ricordi fanno male, ma poi mi sveglio e vedo cose come Kodomo no Omocha (pensate un anime che ha avuto come bonus delle sigle che erano la parodia di Neon genesis Evangelion, il che la dice lunga quanto gli autori dell’anime ci volessero parlare e come quindi GLI ELEMENTI COMICI del cartone sono stati zittiti dalla Mediaset con operazioni di adattamento che possono solo mandarci in disperazione)trasformandolo in Rossana (mio dio…)dopotutto questo schifo capisci che l’incubo durer‡ tutta la vita.

    Dragonball pedofilo? Una bestemmia che non ha precedenti…se dicono che Dragonball Ë inadatto ad una fascia di tutta la famiglia (intendo sia per il manga o per l’anime comics, per non dire della serie che se fossimo in UN PAESE civile l’avremmo visto integrale in televisione)allora gli altri manga si dovrebbro vietare tutti V.m.18…credo che fra poco tocchera’ proprio a KAPPA MAGAZIne…e forse Avete dimenticato CARD CAPTOR SAKURA? Immaginate se lo provano a confrontare con la versione MeDIASET ne vedremo delle Belle…

    Che dire ragazzi io SONO Disposto A MANIFESTARE per lE STRADE per questo schifo! COgliamo Quest’occasione PER DIRE BASTA A TUTTO QUESTA ROVINA!!!

    A presto,

    Danilo Del Tufo

    p.s.: All’Epocartoon si far‡ il piano della situazione secondo voi? Io ci Saro’ e spero tutti voi Amici Miei!!! ^_^

  8. Condivido pienamente!!! Io NON MI ARRENDERo” mai!!! Michele resta con noi…Alla fine vinceremo!!! Vinceremo noi e saremo ripagati per tanto soffrire!

    Kibou*, ragazzi, Kibou*

    Danilo Del Tufo

    W l”aniMAZIONE (!integrale!) GIAPPONESE!!!!!!!

    *Kibou= era la password che Misato usÚ per fermare il Jet Along in Evangelion, Kibou l”ideogramma della Speranza. Anche lÏ la situazione sembrava irrimediabile ma con la forza, con le mani dell”uomo, Misato riuscÏ a fermare il robot ed a evitare la distruzione. Prendiamo esempio da questa storia dell”episodio di Eva e poeticamente trasportiamolo alla nostra vicenda reale…alimenter‡ la nostra speranza…cerchiamo nella nostra passione i messaggi che ci danno forza! A presto!

  9. Sul Gb di cittadinanzattiva ho postato questo il messaggio che mi Ë stato cancella to per volgarit‡ me ne scuso, ma oltre a due terminucci di volgarit‡ non ne vedo: spero che questo sia un forum serio dove venga rispettato il mio pensiero: mi rivolgo a cittadinanzattiva

    MA COSA AVETE NEL CERVELLO SEGATURA????

    NON POTETE DIRE CHE DRAGON BALL E’ EROTICO. DOV’E’ CHE BULMA, LA RAGAZZA FA UNA PRESTAZIONE SESSUALE PER LA SFERA?!???!? MA SIETE MATTI????

    VOI CONFONDETE DIVERSE COSE.

    PENSO CHE SAPPIATE QUANDO IN UNA SCENA C’E’ DEL SESSO, DELL’EROTICO O DELL’IRONIA, NON FATEMELO SPIEGARE NEI DETTAGLI, SAREBBE RIDICOLO.

    QUELLO CHE C’E’ IN DRAGON BALL E’ SOLAMENTE IRONIA!!!

    MA L’AVETE LETTO BENE??? O AVETE SOLO LETTO LA PAGINA INCRIMINATA

    E POI CHI HA DETTO CHE DIABOLIK I BAMBINI NON LO LEGGONO??? E SE CAPITA TRA LE MANI DI UN BAMBINO. POVERACCIO…. RIMARRA SCONVOLTO PER IL RESTO DELLA VITA….

    QUI SI VOGLIONO FARE DELLE ACCUSE INSENSATE, VOLETE SOLO FARVI PUBBLICITA’ E VOLETE UCCIDERE IL FUMETTO GIAPPONESE.

    PERCHE QUELLO AMERICANO DELLA DISNEY NON VIENE MAI PRESO IN CONSIDERAZIONE QUANDO E’ COPIATO DA QUELLO GIAPPONESE??? IO RITENGO CHE SE UN BAMBINO CONFONDE L’IRONIA CON LA PORNOGRAFIA O PEGGIO LA PEDOFILIA E’ PERCHE’ E’ UN BAMBINO AFFETTO DA MALLATTIA DOUN E DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A CURE SPECIFICHE COMINCIO A PENSARE LA STESSA COSA DI VOI E DELLA PERSONA DA CUI E’ PARTITA LA

    DENUNCIA.

    ANDATE A CERCARE LA VERA PEDOFILIA E SE NON LA TROVATE CERCATE BENE NON INVENTATEVI SCUSE ASSURDE PER FARVI PUBBLICITA’, SOLO PER DIRE OH CHE SCANDALO GUARDA CHE ROBA E’ PEDOFILIA…

    FATEMI IL PIACERE….

    Questo il messaggio volgare: forse Ë per la segatura o per il doun, mi scuso, ma quando ieri sera sono andato nel sito della A.D.A.M e ho letto che Dragon Ball era stato denunciato per pedofilia non riuscivo pi? a muovermi PER POCO NON MI VENIVA UN INFARTO!!! Parlo sul serio non Ë un modo di dire, MI STAVA VENENDO UN INFARTO, per tutto il giorno non sono riuscito a fare nulla perchË il pensiero ricadeva sempre sulla vostra stupida e insensata denuncia

    Ho reagito d’istinto ma non mi sembra di essere stato volgare

    Oltretutto non riuscivo a capire dove avevate trovato la pedofilia in Dragon Ball.

    Seguo la serie da quando veniva trasmesso nel lontano 1989 su TV locale, ho tutte le puntate registrate (dalla n?1 alla n?153 di Dragon Ball dalla n?1 alla n?199 trasmessa oggi da Italia 1, tutte e 64 le puntate di Dragon Ball GT pubblicate dalla Deagostini) ho tutti e 19 gli OAV e tutti mi ritengono normalissimo e nel 1989 avevo solo 7 anni!

    Non avevo nemmeno letto i messaggi vecchi, ma li ho letti adesso off-line.

    Concordo con tutti (Nessuno Ë a vostro favore, forse saremo matti noi e altri milioni di appassionati nel mondo).

    Oggi per pubblicizzare qualsiasi cosa viene mostrato il nudo senza che sia necessario

    Riprendo le segnalazioni dette precentemente su Baywatch e aggiungo che in tv dalle 13:00 alle 17:30 vengono trasmessi programmi adatti a tutti tranne per una cosa: Beveril Hills che Ë proprio

    al centro di questa fascia oraria. Nessuno si Ë lamentato. Subito dopo C’Ë Baywatch.

    Tempo fa c’era Non Ë la Rai dove molte le ragazze avevano meno di 15 e la stessa cosa di Miss Italia…

    Ah Ë vero quelli sono programmi cult, nessuno puÚ toccarli come tutte le pubblicit‡ dove si vede il nudo… Negli anime censurano anche la parola stupido, poi inizia due secondi dopo la pubblicit‡ (interrompendo a met‡ le parole) e si sente e vede di tutto

    Poi cosa vuol dire che Bulma mostra meno di 16 anni, ma l’avete vista? Sembra una bambina?

    Poi anche il bambino comprende che il fumetto Ë ironico quando POCHE PAGINE PRIMA il genio propone di regalare ai ragazzi la fenice immortale che Ë morta, poi Goku che vuole mangiare la nuvola.

    Il vostro discorso sulla mercificazine del corpo non ha senso perchË solo voi pensate che Bulma farebbe di tutto, ma tutto inteso come lo avete capito solo voi, per la sfera, perchË il bambino si ferma all’ironia della scena.

    Poi se credevate che il precedente titolo fosse ironico siete proprio fuori strada: queste cose possono succedere solo in Italia.

    Personalmente ero abituato alle censura, quando vedo un Anime so che devo prepararmi a torgliere la voce durante la sigla perchË non riesco a sentirla e so di dovermi abituare ai cambi di nomi, quelli giapponesi sono complicati:

    Un bambino non riesce a comprendere nomi come Yamcha, Karin, Leona, Takashi, Seniji sono pi? adatti Iamco, Balzar, Lilibeth, Serghiei, Michael epotrei continuare all’infinito…

    Poi un bambino non si confode e non si fa domende a vedere una tecnica come il TaiyoKen o il Masenko chiamarsi una volta colpo del sole, una volta lampo accecante, una volta lampo distruttore, una volta mamma comprami quel giocattolo… tanto per questo servono gli Anime, a pubblicizare le cartelle della seven, le figurine della panini, i modellini dela giochi preziosi (che poi fanno piet‡, Ë tutto riprodotto penosamente)

    Eravamo abituati tutti a questo, ma nessuno si sarebbe aspettato questa tragedia, come gi‡ detto Ë la goccia che ha fatto traboccare il vaso e VOGLIAMO SAPERE PERCHE’ AVETE FATTO TUTTO QUESTO mi sa che avete fatto tutto per farvi pubblicit‡ perchË i vostri discorsi non hanno fondamenta volete solo uccidere il fumetto giapponese e quello della disney?

    Ah no quello Ë sacro, guai a toccarlo eppure la disney non produce nulla di suo ma scopiazza sempre. Se la disney avrebbe fatto una cosa del genere sarebbe stata una cosa altamente ironica, ma qui stiamo parlando di Dragon Ball…

    Siete ancora in tempo per chidere scusa a tutti, anche se la questione sar‡ impossibile da dimenticare, terremo conto che alla fine avete capito, cambiando il titolo mezzo passo lo avete gia fatto, aspettiamo il resto.

    Un ultimo consiglio: andate a controllare la persona da cui Ë partita la denuncia, se Ë sana…e cercate la VERA pedofilia (sapete cos’Ë???)

    E non fatemi venire un vero infarto con queste cavolate perchË altrimenti sarete responsabili.

    NON AVETE IL DIRITTO DI CANCELLARE UN MESSAGGIO CHE VI SMER… MA DI REPLICARE E BASTA ALTRIMENTI DIMOSTRERETE SOLO DI AVERE TORTO

    PREGO CITTADINANZATTIVA DI RISPONDERE A TUTTE LE MAIL NON SOLO AD ALCUNE ED IO PERSONALMENTE ESIGO CHIARIMENTI SU TUTTE LE DOMANDE CHE HO FATTO

  10. Mi sembra questione di lana caprina, comunque, tanto per essere precisi (anche per chi non sapesse di cosa stiamo parlando):

    Anime = cartone animato giapponese

    Manga = fumetto giapponese

    Anime comics = fumetto ottenuto da immagini di un anime

    L’oggetto della denuncia e’ un anime comics, quello della segnalazione all’authority e’ un anime (ovvero un cartone)

  11. Come Presidente di ADAM Italia, ti invito a moderare i tuoi interventi, cercando di non URLARE e di essere breve e conciso.

    Questo per non alimentare il pregiudizio che dipinge noi appassionati come dei fanatici esaltati. Non dimenticare che stiamo parlando di fumetti e cartoni animati, non di questioni di vita o di morte…

    shogun@adam.eu.org

  12. Pensavo ad un’idea utopica.

    Non potrebbe essere presentato un disegno di legge che consenta ad un comitato di valutare il materiale ,Anime manga e cartoon in generale, da trasmettere in tv in maniera integrale con appositi bollini per indicarne il contenuto e la fascia di eta’ a cui e’ indirizzato.Logicamente un comitato del genere dovrebbe essere formato da associazioni di genitori come MO.I.GE e cittadinanzattiva insieme ad associazioni in difesa dell’espressione culturale dei Fumetti come l’A.D.AM. Cosi credo che entrambi le parti otterrebbero cio’ che desiderano : maggior protezione per il materiale visibile ai minori e un maggior rispetto per capolavori artistici che qui in Italia subiscono veri e propri scempi soltanto per adattarli ad un pubblico a cui non era indirizzato.

    Il mio sogno e’ poter vedere Bastard in tv non tagliato ma trattato come ogni altro film o telefilm preceduto da avvertenze sul tipo di materiale contenuto compresi gli Ideogrammi giapponesi, e magari con il classico bollino verde giallo o rosso a seconda del contenuto.

    Sperando in un futuro migliore dove non si vedino piu’ atti vandalici verso capolavori artistici del Sol levante e un maggior dialogo tra i divewrsi pensieri ideologici siano essi forti o leggeri come questi

    Saluto tutti.

    Gabrius (gabrius@cld.it)

  13. la cosa che mi colpisce Ë che stiamo parlando di genitrori giovani!! sicuramente la protesta sar‡ venuta da persone con figli con non pi? di 14 anni e quindi con un’et‡ non superiore ai 40/45. Sono profondamente deluso da questa generazione di genitori bigotti ed illusi. Voglio sottolineare illusi victo che, se pensano che per far diventare i propri pargoli dei piccoli lord basti il controllo su ciÚ che leggono o vedono in tv, avranno grosse delusioni. Ma questa gente dove vive??!! e soprattutto fa vivere i propri figli come degli eremiti? Le minacce + gravi alla morale infantile arrivano da ben altra parte: per prima dalla scuola dove ragazzi con educazione profondamente diversa interagiscono influenzandosi a vicenda e spesso ha il sopravvento il meno educato. Ho assistito personalmente ad un dialogo tra due infanti di circa 8/9 anni di sesso opposto che si davano di puttana e finocchio a vicenda. Allora dico: non mandateli a scuola, non fateli uscire con altri bambini che non abbiano il bollino di qualit‡ sulla testa, non fategli guardare MAI e dico MAI la tv poichÈ una frase o situazione equivoca interpretata da una persona reale ha un peso ben diverso da una vignetta o da un anime. Io ho 31 anni, ho visto il mio primo anime (goldrake) a 7 anni e da lÏ non ho mai smesso di girare intorno a questo magnifico mondo, crescendo senza deformazioni fisiche e , credo, mentali; passando indenne dal periodo delle droghe pesanti, trovando un buon lavoro, la persona da amare…. insomma penso di essere cresciuto come una persona normale che perÚ, contrariamente ad altre, coltiva tutt’oggi una fortissima passione che gli riempe i momenti vuoti della vita. Molti ragazzi di oggi questi momenti li riempiono con cose molto pi? pericolose. Concludo dicendo che quando avrÚ un figlio/a cercherÚ di tramandargli questa splendida passione cercando semmai, invece di omettere, di spiegargli le cose pi? difficili cogliendo al momento anche l’opportunit‡ di poter parlare coi propri figli del sesso (cosa rara per le generazioni passate). Mi preoccuperÚ altrimenti di controllare le persone ed i luoghi che frequenta per proteggerlo da droghe e persone malfidate. Meditate gente, meditate

  14. Concordo in pienamente con te specialmente per il discorso che a vedere tale pericolo sono genitori giovani, infatti anche io alla veneranda eta’ di 31 anni son cresciuto a suon di anime e nutella e non credo di essere un deviato o cos’altro.Ma la cosa piu’ bella e’ che ho mostrato a mia Madre che ha 60 anni il fumetto e le scene incriminate chidendole cosa ne pensava e di cosa sta succedendo, la sua risposta e’ che non ci trova cose oscene nel fumetto e gli sembra strano tutta questa storia, poi mi ha ripetuto anche che alla mia eta’ dovrei smettere di leggere i fumetti 🙂 ma queste sono piccole divergenze che ormai non provo piu’ ad addrizzare perche’ e’ tardi con tutta la controcultura che e’ stata instituita in Italia 🙂

    Gabrius

  15. leggendo questo e gli altri messaggi, un nodo mi stringe la gola….
    la notizia del sequestro poi….
    ke tristezza….
    veramente….
    sono senza parole….

  16. scusate se apro una sottocartella su una sottocartella….ma la situazione Ë grave…
    da poco la terribile notizia…l”anime di Berserk andr‡ in onda su italia 1…. O_O
    berserk…il fumetto pi? violento degli ultimi anni…berserk…lo SPLENDIDO berserk…
    quando ho saputo la notizia stavo per piangere sulla spalla di mia madre…
    Io ho visto tutta la serie tv in giapponese in cassetta,alzandomi anche alle 5 di mattina per vedere gli ultimi episodi…Ë bellissimo…
    e loro lo vorrebbero passare in tv…cosa ci rester‡ da vedere dopo il TAGLIA E CUCI??? nemmeno la sigla…c’Ë troppo sangue…
    sto veramente male al pensiero…
    spero solo ke qualkuno serio come la Dynamic o la Yamato prendano i diritti x l’home video e lo ridoppino,lo ricuciano prima di venderlo a 40.000 £….
    come sempre sono senza parole davanti a questi scempi…

    io sono LUISA…
    leggo manga da quando avevo 14 anni,ora ne ho 19 e sono ancora mentalmente sana…spero…

  17. E’ una domanda che mi sono posto anche io e intanto mentre ci pensavo ho cercato di nascondere il leggendario Darsh dagli occhi di coloro che speculano sui manga e anime per vedere zainetti ai bambini e agende con i loro idoli sopra.Allora mentre cercavo un luogo sicuro al mio Idolo 8visto che Goku ormai lo hanno beccato) mi sono sorte un paio di domande.

    Ma cosa pensano chi vende i diritti di una anime perchË venga trasmessa in italia??? lo sa’ delle amputazioni che gli vengono fatte??? e chi sfrutta l’immagine di Goku e co per Zainetti e agende ha pagato i diritti di immagine a chi di dovere?? Non so se sarebbero felici i grandi disegnatori del sol levante nel vedere le loro opere distrutte e mutilate a questo modo, secondo me smetterebbero di darle a chi le maltratta.

  18. E’ una domanda che mi sono posto anche io e intanto mentre ci pensavo ho cercato di nascondere il leggendario Darsh dagli occhi di coloro che speculano sui manga e anime per vedere zainetti ai bambini e agende con i loro idoli sopra.Allora mentre cercavo un luogo sicuro al mio Idolo 8visto che Goku ormai lo hanno beccato) mi sono sorte un paio di domande.

    Ma cosa pensano chi vende i diritti di una anime perchË venga trasmessa in italia??? lo sa’ delle amputazioni che gli vengono fatte??? e chi sfrutta l’immagine di Goku e co per Zainetti e agende ha pagato i diritti di immagine a chi di dovere?? Non so se sarebbero felici i grandi disegnatori del sol levante nel vedere le loro opere distrutte e mutilate a questo modo, secondo me smetterebbero di darle a chi le maltratta.

    Gabrius – gabrius@cld.it

  19. Purtroppo gli autori non hanno voce in capitolo.

    Le decisioni di mercato competono alle case editrici, le quali se ne fregano di come Mediaset tratta i loro prodotti, purche’ paghino.

    otaku@libero.it

  20. Ma nell’acquisto del prodotto verr‡ stipulato un contratto di acquisto o no??

    Cioe’ ci saranno clausole in cui la casa editrice obbliga l’acquirente a non fare determinate cose per esempio non snaturare l’opera, non utilizzare il prodotto in maniera non consona al suo utilizzo o altro??

  21. Allora vedi Ë qui il problema!! Io vorrei dirvi una cosa ad esempio : sapete la Gainax che casino fece per i doppiatori di Evangelion in italiano, ricordate? Ecco il che la dice lunga su come ci tengono per le loro opere…ORA BASTEREBBE ANDARE AL SITO GIAPPONESE DELLA GAINAX e SCRIVERE UNA MAIL IN INGLESE PER the Secret of The Blue Water (Nadia) e dire come l’hanno ridotta…io credo che interverrebero (Hideaki Anno si inkazzerebbe di brutto-brutto)…almeno spero.

    La stessa cosa vale per la Toei (Io intendo alle aziende, poichË i diritti d’autore sono ovviamente persi, il problema Ë che Ë vero che le aziende vogliono i soldi…ma credetemi IO SONO CONVINTO che LORO non Abbiano mai visto COSA REALMENTE COMBINANO AI LORO CARTONI ANIMATI…di conseguenza gli autori si incomincerebbero ad inkazzare di brutto credo e chiederebbero piu’ diritti verso le aziende che gli passano in animazione i loro manga…dobbiamo provare a scrivere Mail alla Gainax o alla Toei fatte bene…magari facndo capire le CENSURE e il completo rifacimento delle trame…)

  22. approvo in pieno…..berserk Ë il manga piu violento e spettacolare della storia delle anime.Ora poi che so che il cartone animato verr‡ trasmesso su mediaset sono al settimo cielo.Pero sono molto piu che sicuro che sar‡ una censura unica.non si puo stavolgere una storia per non mostrare scene che poi dieci minuti dopo vengo ritrasmesse dai telegiornali!solo che queste non sono frutto della fantasia di uno scrittore, ma fantasia di un maniaco o di un assassino.io ho 19 anni e leggo berserk dal primo numero.

  23. Cosa intende per urlare?

    Poi i manga e gli anime sono l’unica cosa che mi fanno sentire bene, ma quando vedo che sono ridotti in quella maniera non lo sopporto e non ne capisco il motivo perchË se non ci fosse la censura gli ascolti sarebbero pi? elevati.

    Vallo a dire a Mediaset per fare la fabbrica dei pokemon…

  24. La distinzione Ë importante e aggiungo

    cartone = cartone americano, italiano o comunque non giapponese

    fumetto = fumetto non giapponese

  25. Il sentimento pi? forte ed antico dell’animo umano Ë la paura
    E la paura pi? grande Ë quella dell’ignoto

    H.P.Lovecraft

    La notizia mi ha sconvolto!!!
    sono allibito!!!
    sono basito e stupito!!!
    chi, Chi, CHI ha avuto il coraggio di denunciare Dragonball per pedofilia???
    Un fumetto che ha fatto storia, letto da milioni di ragazzi di tutte le et‡ in tutto il mondo, non penso proprio che possa avere dei contenuti cosÏ scabrosi da creare questi allarmismi!
    Il fatto Ë che la denuncia Ë partita da persone che non sanno ASSOLUTAMENTE NULLA sui manga e tutto quello che non si conosce fa paura.

  26. Chi non sa comprendere una cosa del genere di certo non sa distinguere un approccio di tipo sessuale nei confronti di un adulto piuttosto che un infante ed Ë pertanto qualificabile come potenziale pedofilo.

  27. Miseria, se DragonBall Ë Roba da Pedofili, Brithey Spears (per come veste e si atteggia) bisognerebbe metterla sulla sedia elettrica!!!

    HAHAHA!!!

  28. Ho un messaggio per tutti coloro che considerano DRAGON BALL un fumetto che instiga alla pedofilia:VAFFANCULO.Grazie.

  29. Questo messaggio Ë rivolto a atutti coloro che considerano o che hanno avuto il coraggio di dire che Dragon Ball Ë un fumetto che instiga alla pedofilia:VAFFANCULO!Grazie.

  30. COME OSANO dire una stupidaggine simile?? Solo un idiota puÚ dire che DragonBall istiga alla pedofilia. Quindi l’unica cosa che posso aggiungere Ë CHE SI FACCIA FOTTERE!

  31. Il punto è che in Italia vi è una cultura diversa rispetto al Giappone. Quindi ci sarà sempre qualche coglione pronto a criticare un manga.

    Ho notato che in Giappone è cosa normale vedere nei fumetti per ragazzini o adolescenti scende di nudo o di sesso.Personalmente non mi tocca, ma in Italia una cosa simile è inammissibile perchè la nostra cultura non lo tollera. Allora arrivano psicologi del cazzo dicendo che Ken il guerriero è violento, (invece è molto commovente e ti scatena dentro un sacco di emozioni) che guardare Sailor Moon ti fa diventare finocchio perchè poi vuoi emulare i gesti delle eroine ( al contrario io lo guardavo solo perchè mi arrapavano le tizie, idem occhi di gatto e Lamù)

    e ora mi associano Dragonball ai pedofili.

    Tutto questo perchè vi è un odio profondo nel Manga poichè ci fa diventare più simili a Giapponesi come cultura e mentalità.

    Ora le cose sono cambiate quando io seguivo le vicende di Dragonball (’96) non era nemmeno pensabile che fosse trasmesso in Tv idem per tutti quei manga che allora giravano in versione cartacea e che sognavo di vedere in Tv ma Mediaset non trasmetteva (Evangelion,Slam Dunk,Berserk,Gundam Wing) e che invece ora si vedono tranquillamente, poichè Mediaset ne aveva i diritti molti anni fa ma li ha trasemssi solo ultimamente per motivi di morale credo, dandoceli con il contagoccie quasi per farci abituare poco alla volta e far sembrare quindi il manga una cosa normale che fa parte della nostra cultura(non hai nostri occhi ma agli occhi dell’Italiano medio o dello psicologo del cazzo).

    La censura del manga.

    Il manga viene censurato proprio perchè non si vuole che i nostri bambini siano di mentalità simile a quella Giapponese, dove è normale che un bambino di 6 o 7 anni veda due tette senza stupirsi.

    Ma la censura snatura l’opera stessa rendendola quindi “diversa” dall’originale.

    Cambiare le sigle dei cartoni.

    Idem per le sigle, non vogliamo che i nostri bambini sentano la lingua Giapponese sia mai!

    Meglio farle cambiare in italiano o in mezzo inglese che è la lingua del futuro storpiando quindi l’intero senso del fumetto ( che cazzo c’entra il titolo di dragonball “Wath’s my destiny” con l’originale? nulla ovvio)

    Mtv invece ha preferito tenere il tutto come l’originale e questo è segno che le cose stanno cambiando e la gente si sta aprendo.

    Saluti a tutti.

  32. mah, che volete che vi dica? vi dirò tutto con una massima; la vergogna di questo paese è che non ha vergogna.

    bladerunner.

  33. in un lungo metraggio di dragonball il protagonista(goku)ancora bambino si corica nei genitali di bulma e fa il paragone con i genitali del nonno dicendo:il nonnino in queste parti era più morbido….”be fate un po voi….buz

  34. Non diciamo cazzate. Dragonball è sia un un’anime e un fumetto. L’Italia è veramente un paese sessuofobo e del terzo mondo. Io ho guardato dragonball la 1° volta quando avevo 10 anni e ho visto tanti manga e anime giapponesi ( che reputo meglio dei cartoni disney o della Warner Bros)ma la mia vita non è mai stata sconvulsolata. Ritengo che per un bambino sia più sconvolgente vedere certe scene al telegiornale, o scene di violenze che ha vissuto nella vita normale o le sfilate di moda! Si avete capito bene, quante ragazze sono diventate anoressiche per assomigliare ai loro miti.

    Per quanto la pedofilia mi scappa da ridere, cazzo ma è un cartone, ci sono solo tendenze erotiche in quel cartone come a Ranma, bersek, o Goldenboy,scene che un bambino avrà visto o dal vivo o in qualche film in prima serata e che capisce che è fantasia, un film o altro non saprei…

    Vorrei parlare allo scemo o alla scema che ha lanciata questa querela.

    Che i genitori incomincino a fare i genitori e le associazioni combattino x cose serie.

    PS: Perche non si fa un canale TV con soli cartoni manga come in Francia ( Mangas )

    LELE

  35. Inizio con il dire che sono Jole, la figlia di Alfa, anni 13. Ora faccio la seconda media e sono appassionata di manga da quando facevo la 4 elementare e trovo estremamente VERGOGNOSO dare certi “pregiudizi” sui manga, non sapendone neanche il significato della parola stessa. Dragon Ball è stato il primo anime-manga che ho conosciuto e posso dire che ogni scena disegnata nel giornaletto è estremamente “ironica” e non fatta a scopo pornografico, perchè a questo proposito, vi sono altre “variazioni” del manga, che non sono state però fatte dagli stessi mangaka (per chi nn lo sapesse, sono gli autori dei manga) ma bensì da anonimi che da molti sono amati e rispettati proprio per il loro coraggio nell’esprimere determinate cose che i mangaka nn hanno, in un certo senso, il coraggio di dire.

    In Giappone (e non solo,basta anche solo andare in Germania)vi sono intere biblioteche sui manga dove ci sono dai bambini di 6 anni agli anziani di 90 anni che vanno a leggere i manga, appunto per cultura. Questa cultura però è stata tramandata anche qui in Italia ed è giusto leggerli prima, e poi fare paragoni con anime trasmessi sia alla mediaset che ad italia sette che ad MTV. Tuttora ad italia sette è trasmesso Lamù, un anime estremamente censurato, nonostante molti vocaboli possono essere considerati volgari. Ma infondo, tutti li usiamo, anche i bambini oramai + piccoli li usano…perchè continuare ad insistere su questa censura a vocaboli che però tutti utilizziamo? Su MTV invece sono trasmessi Ranma 1/2, le situazioni di lui e lei (karekano)GTO e Saiyuki.Persino i titoli sono stati censurati. ad esempio karekano è stato cambiato con le situazioni di lui e lei. Ma cosa centra con la pornografia? Perchè è stato censurato? Non vi è alcun motivo!Cosa centra con la pedofilia? Poi dragon ball nn è l’unico manga dove vi sono determinate immagini o determinate frasi…vi è anche GTO, DNA2, Lamù, Inferno e paradiso e chi + ne ha + ne metta.è anche vero che però, sui manga ke vendono vi è scritto “dedicato ad un pubblico maturo”. a questo punto la responsabilità è di chi compra, non di chi vende o di chi scrive.

    E’ cmq inutile dire che anche i cartoni americani non sono poi molto innocentini…basta guardare i simpson o i sout park.

    Poi, per leggere i manga, bisogna anche immedesimarsi nella cultura giapponese…in pratica, bisogna saperli leggere e capirli. anche dragon ball ha un determinato significato, oltre alla storiella divertente di son goku e delle sue sfere. infatti, il vero significato di questo manga, sono le arti marziali, cosa che è sfuggita quasi a tutti,preoccupati per le sfere. le sfere in realtà, sono state “create” dopo dalla mente di akira toriyama. il suo scopo era far conoscere lo stile del dragone alle persone (e da qui nascono le sfere del DRAGO)In pratica le arti marziali nominate in dragon ball sono un insieme tra aikido,kung-fu, karate, judo e riflessioni di chi le pratica.Lo stesso vale per un’altra opera di toriyama ossia Dr. Slump e Arale. Qui si mette in mostra la ragazzina robot…però anche qui la protagonista principale è appunto la forza straordinaria della bimba.

    E’ impossibile spiegare con una sola risposta cosa sono veramente i manga…ma almeno ho risposto ad una parte del commento!

  36. registrai proprio la seconda trasmissione di quell’oav da parte di raidue e quindi mi manca quella scena.

  37. MTV mantine tutto originale perchè trasmette direttamente le videocassette della Dynamic o della Yamato e di conseguenza non mette le mani su niente…Mediaset invece deve dare da lavorare a Cristina D’Avena & Co. di conseguenza deve riadattare tutto (o almeno quasi)…cmq in italia non esiste la mentalità dell’anime ma quella del “cartone animato” di conseguenza un anime verrà sempre preso di mira perchè è ANIME invece un cartone animato tipo “THE SIMPSON”, “SOUTH PARK” e americanate varie non verranno mai criticati perchè “SONO OCCIDENTALI” ma soprattuto “CARTONI ANIMATI” e non “ANIME”….

    imparate a vivere “che è meglio” (by Quattrocchi) 😛

  38. Un attimo, TUTTI i protagonisti (femminili, in particolare)dei cartoni giapponesi hanno di solito un’eta’ “teorica” che va dai quindici ai diciannove anni? Al di la’ delle dichiarazioni dell’autore che per fare una scheda tecnica mette le eta’, un’immagine che non ritragga una persona reale non ha un’eta’.
    Ditemi: quanti anni ha Corto Maltese? Trenta? Ventotto? Trentacinque? E in quale singolo fumetto?
    E Kaname Chidori ha diciassette o diciott’anni? O quindici? Al di la’ di quanto vien detto dal cartone, l’immagine in se’ puo’ rappresentare una ragazza dall’eta’ approssimata tra quindici e diciannove anni. Se ne ha diciassette, allora siamo di fromnte ad una casa di produzione italiana che presenta un prodotto con istigazione alla pedofilia e atti di libidine ai danni di minore (vedi “Lingerie Panic”) e di una rete televisiva a copertura quasi nazionale che lo trasmette sebbene di sera.
    E’ una vergogna prendersela con questo. Dio mio, si tratta di ammiccamenti…ammiccamenti, capite, divertenti nella maggiorparte dei casi ed erotici ma non in maniera eccessiva in altri.
    NOTA LEGALE: Nel sito di Cortiana scrivono che dire che una legge e’ ingiusta e assurda puo’ essere apologia di reato.Non comprendo esattamente cosa possa essere “apologia di reato” ma non credo assolutamente: la critica ad una legge della Repubblica e’ regolare e costituzionale esercizio di liberta’ d’opinione (politica) e di espressione. Se in un Parlamento si critica in continuazione una legge per i reati che configura, non vedo perche’ non potrei farlo io in quanto cittadino italiano con diritti non solo civili ma anche politici.
    A proposito la frase seguente e’ proprio ripresa da questo sito:
    “Articolo 21 della Costituzione Italiana: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.[…]”
    END OF NOTA LEGALE

    Comunque sia non credo che il disegno di un atto sessuale su di un personaggio di finzione e con nessuna attinenza a persone realmente esistenti o che comunque non raffiguri una persona giuridica (un minore realmente esistente) ritratto mentre effettivamente sia nudo o stia avendo rapporto sessuale (escludendo dunqu un caso in cui un soggetto minore sia ritratto in pose o atteggiamenti o attivita’ immaginati dall’autore e/o disegnatore ma che mai si siano verificati realmente) sia configurabile come pedofilia o istigazione alla pedofilia o altro correlato.
    Nemmeno se si tratta di un disegno raffigurante un personaggio fittizio nudo e/o in pose esplicite e/o nel mentre di un atto sessuale consensuale o no(vedi hentai manga)
    con cosa o chicchessia, fosse anche “egli” (proprio perche’ non e’ un “egli”, perche’ non e’ cioe’ ne’ raffigura una persona giuridica che debba essere difesa o essere tutelata da legge alcuna) un minore a detta dell’autore o avesse tratti di minore o adolescente.

    NOTA:Al di la’ della questione dei fumetti hentai o pedo-hentai, includendo nella seconda categoria, a rigor di semantica, anche quelli raffiguranti ragazze diciassettenni o sedicenni, non solo quelli raffiguaranti bambini di otto anni o simili) ricordo che visionare pedofilia senza richiederlo o anche richedendolo non e’, secondo un associazione legale e una precedente assoluzione in tribunale, reato. E’ reato scaricarla ed usarla in qualsiasi modo sul proprio PC, non tramite. D’altronde vogliamo incriminare qualcuno per aver semplicemente visto qualcosa???

    Riprendendo il discorso

    In parole povere sarebbe contro senso e credo non applicabile condannare qualcuno perche’ ha disegnato Sailor Moon che viene stuprata, al massimo puo’ essere un’attivita’ discutibile…ma illegale?! Chi si ha da tutelare?
    IPOTESI A) Si tutela l’integrita’ dei visionanti , che dovrebbero essere (sempre in teoria secondo la legge) o controllati dai genitori (la legge e’ un poco eccessiva a mio parere con i poveri sedicenni e diciassettenni e simili, che non vedo come oggigiorno possano venir turbati da pornografia piu’ di quanto lo sia un diciottenne.) se minorenni o maggiorenni dunque in perfetto diritto di vedere pornografia, scaricarla, disporne. E un disegno a mio parere non puo’ essere considerato pedofilia.

    IPOTESI B) Si tutela l’integrita’ fisica, sessuale, morale e si vuole preservare da traumi e abusi e danni di ogni tipo la persona giuridica
    Uesugi Tsukino, residente a Tokyo, Giappone, di eta’ dichiarata dall’autore di circa anni 16, ma di eta’ presunta non chiaramente decidibile tra i quattordici e i diciotto anni…ma andiamo, siamo seri….

    IPOTESI C) Si tutela la moralita’ e la decenza pubblica a costo di limitare pesantemente e ingiustamente le liberta’ di soiggetti anche maggiorenni.
    Ahem, siamo forse, con tutto il rispetto, a Teheran?

  39. Ahem, Karekano, compresa la poetica e delicatissima scena si sesso sotto le coperte (di due minorenni! Addirittura consenzienti! Soichiro Arima e Yukino Miyazawa, di anni approssimativamente tra i quindici e i diciassette o diciotto entrambi, di eta’ dichiarata dall’autore di anni sedici!) nonche’ la puntata della povera (e dolcissima) “lesbica” respinta da Kano Miyazawa, e’ stato trasmesso credo con poche censure o nessuna censura.

    Karekano e’ l’abbreviazione di un titolo chilometrico giapponese che suona piu’ o meno (non so il Giapponese) “Kareji Kanojo no Jijyio” ovvero, secondo la traduzione letterale da parte di un sito di cartoni “Vicessitudini di fidanzato e fidanzata”. “Le situazioni di Lui e Lei” non e’ certo un titolo fuorviante o indice di censura, spero fossi ironica.

Comments are closed.