Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

La legge per Feltri e la legger per Lerner

I fatti:
il quotidiano “Libero”; di Vittorio Feltri (che si vende in edicola e si puo’ essere liberi o no di acquistarlo) pubblica nomi di pedofili presi da internet e un mese piu’ tardi foto con atti di pedofilia.
Gad Lerner lascia andare in onda in prima serata un Tg in cui si vedono violente scene di pedofilia.
Risultati:
dimissioni di Gad Lerner (ma l’Ordine dei Giornalisti non prende provvedimenti).
Vittorio Feltri e’ stato radiato dallo stesso Ordine.
Premesso che Vittorio Feltri non solo mi e’ poco simpatico, ma non risponde affatto al mio ideale politico, anzi! Vorrei pero’ sapere se l’ordine gioca o lavora, perche’ e’ palese il fatto che per lo stesso motivo sono stati usati due pesi e due misure.
A voi i commenti…

Commenti Facebook

14 thoughts on “La legge per Feltri e la legger per Lerner

  1. In realt‡ Feltri Ë stato radiato per aver pubblicato foto di bimbi prelevate dalla Rete. Comunque Feltri, anche se lo ritengo un individuo particolarmente spregevole, ha fatto il suo lavoro di giornalista, nÈ pi? nÈ meno di come viene fatto dalla maggior parte dei giornalisti italiani; quegli stessi giornalisti (anzi, pennivendoli) che ora plaudono alla sua radiazione.

  2. Lodevoli tutte le iniziative che mettono in luce il problema della pedofilia, porattutto se nonutilizzate per fare del sensazionalismo da parte di chi vive la notizia come un guadagno.

    Ma la prostituzione minorile? Gli abusi in famiglia, le percosse? Tutti fenomeni forse anche pi? diffusi ma meno considerati. PerchË?

  3. Proprio perchË sono pi? diffusi, sono meno considerati.

    Se ce la prendiamo con i pedofili (cosa peraltro giustissima) saremo in 100 contro 1: la possibilit‡ di uscirne con le ossa o il morale a pezzi sono ridottissime.

    Se ce la prendiamo con chi picchia o maltratta i bambini rischiamo di essere 50 contro 50 e magari di prendercela proprio con il vicino di casa: le possibilit‡ di farsi del male o di iniziare storie di rancori, occhiatacce, dispettucci et similia Ë moooolto pi? alta.

    E” sempre meglio correre in aiuto del vincitore; se il vincitore non c”Ë, evitare ogni tipo di fastidio puÚ non essere la politica migliore per la propria coscienza, ma Ë senz”altro la pi? praticata in Italia.

    Plandrisio Fancazio

  4. Il bello Ë che la legge considera reato penale anche il solo possesso di materiale pedopornografico. Legge partorita dal clima di caccia alle streghe fomentata da Feltri e soci.

    Quindi non si capisce perchÈ Feltri sia stato solo cacciato dall”ordine: avrebbe dovuto essere inquisito dalla magistratura. Nessuno invece ha commentato il fatto che la chiesa cattolica sia stata condannata in USA per la sua attivit‡ di difesa e omert‡ istituzionale nei confronti dei preti pedofili. E che dire del vescovo di Caen recentemente inquisito per gli stessi reati? PerchÈ i giornali italiani non ne parlano?

    L”ottanta per cento degli abusi sui minori si svolgono in famiglia: non Ë che il restante 20% capita nelle parrochhie, oratori e seminari?

  5. Trovo la decisione dell’ordine dei Giornalisti ineccepibile, se assieme a Feltri, verranno radiati anche Gad Lerner e il direttore del Tg3 che a suo tempo non vigilarono sulla messa in onda di certe turpi immagini nella fascia di maggior ascolto dei telegiornali nazionali.
    Viceversa se invece il provvedimento risulter‡ a senso unico, non si far‡ altro che dichiarare la faziosit‡ dell’Ordine.
    Confidando che all’atto del ricorso la sentenza verr‡ riesaminata con sguardo certamente severo, ma sopratutto pi? ampio riferito anche ad altri personaggi, esprimo la mai indignazione per quanto a suo tempo Ë successo e che il tutto possa contribuire a che simili fatti spiacevoli non si ripetano nÈ in televisione nÈ tanto meno in quotidiani di tiratura nazionale anche se di non elevata visibilit‡.
    Marco Bazzato, Venezia ( marco.bazzato@libero.it)

  6. Piano, Gad Lerner si Ë dimesso per aver mancato al suo dovere di responsabile non vigilando a sufficienza e commettendo un peccato di omissione. Lui non voleva tali immagini e non ha mai detto che queste immagini dovevano essere trasmesse.

    Feltri invece ha ordinato consciamente la publicazione e dopo ha difeso il propio operato a spada tratta senza pentimenti di sorta. La differenza Ë abissale. Nel caso qualcuno dica che Lerner era concorde alla messa in onda io rispondo che almeno lui si Ë dimesso immediatamente nel momento in cui si Ë accorto di aver fatto una cavolata.

  7. la colpa Ë molto pi? grave. In qualit‡ di direttore deve controllare l’operato di chi lavora nel tg, specie se la cosa viene mandata in onda in prima serata e schiaffata sotto gli occhi di tutti, anche dei bambini. Chi compra il giornale e vede certe scene si guarda bene dal morÏstrarle ai ragazzini. La cosa Ë ben diversa. E comunque l’ordine deve prendere gli stessi provvedimenti per coerenza, e non deve fare invece politica. Simona

  8. Sicuro che Gad Lerner si sia dimesso o se in realta` non sia stato dimesso, perche`qualcuno bisognava pur incolpare?

  9. Ciao!! Indipendentemente da come uno la pensa la verit‡ Ë importante.
    Quasi sempre chi dice la verit‡ Ë emarginato, capita dappertutto anche tra amici!!
    L’ordine dei giornalisti ha tenuto un comportamento assolutamente ridicolo come altre volte, ma il peggio Ë che tutto ciÚ passa inosservato!!
    Ciao
    Cesare (Firenze)

  10. Il problema Ë sempre dell’accusa. Se un direttore pecca di omissione, in questo caso la messa in onda di servizi sconvenienti, commette una pena pi? lieve rispetto a chi, pur conscio della sconvenienza delle immagini, dopo che altri si erano dimessi perchË la propia testata aveva mandato certe immagini, si fa promotore e istigatore alla publicazione delle medesime immagini. Per fare un esempio, un genitore che non vigila sul figlio e questo si mette in pericolo e muore Ë meno colpevole di uno che mette il figlio nello stesso pericolo causandone la stessa morte dopo aver letto del genitore precedente

  11. Che io sappia le prime dimissioni erano state rifiutate ma lui le ha reiterate.

  12. Boh chi capisce come stanno le cose ….

    Poco chiaro come step ….. non vedo vipera o altri commentare …..

    Beh tranquilli c’è sempre santoro ….. che risolve tutto …….

    Questa è l’Italia che molti di voi vogliono…. chi non la pensa come voi …. finsice nei …. ops come si chimano i lager Russi ??? e quelli Cinesi ???? o Quelli Cuba ???? e non dite che quella è un’altra sinsitra …. molti di voi sono scesi in piaza a difendere l’indipendenza di quei paesi mentre massacravano a destra e a manca ….

    Se quelle povere persone sapesseroooo…….

    Ciao
    A tutti

    kernunnos

  13. Se si applicasse lo stesso metodo verso Feltri,contro un po’ tutti i giornalisti..temo che finiremmo ben presto come alla “Notte dei Cristalli”.
    Se avessero censurato il giornalista della CCN per le notizie sulle torture nelle carceri iraqene…come l’avremmo presa?
    e si che le foto eran pesanti.
    NO grazie.Nesuna censura…senno’…perche’ non si ELIMINANO tutti i siti porno o le riviste?
    eh?
    Troppa faziosita’ verso Feltri.Troppo poca per ogni “propria” parte “politica”…

Comments are closed.