Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

Diritti di non tutti i lavoratori

Il Globo, a Roma, e’ uno dei quei quotidiani-trash che si danno gratis nelle stazioni. Lo distribuiscono dei giovani immigrati pagati una miseria (qualche migliaio di lire a testa) e anzi, nel caso del Globo, non pagati per niente: si presentano al giornale per chiedere quando potranno essere pagati e il padrone prima s’incazza e poi chiama la polizia.

A questo punto i redattori del giornale (che a loro volta
non vedono una lira da mesi) s’incazzano a loro volta e proclamano uno sciopero di solidarieta’ con i diffusori. Il giorno dopo, trovano sulla scrivania una lettera di licenziamento su due piedi per “abbandono del posto di lavoro”. Il direttore, un certo Spinarelli (che non dev’essere un granche’ di giornalista, se per vivere si abbassa a queste mansioni) difende la proprieta’: “Questi ragazzi debbono imparare a crescere”, commenta. Di questa piccola storia, che certo e’ troppo piccola per dare un’idea generale dello stato dell’editoria italiana, l’aspetto piu’ interessante e’ che viene riportata solo, per quanto ne so, dal Manifesto; negli altri quotidiani, santa omerta’

Di Riccardo Orioles

Commenti Facebook

120 thoughts on “Diritti di non tutti i lavoratori

  1. Hei cinghialotto non credevo che lavoravi 12 ore al giorno,chissà come trovi il tempo per seguire i forum,ma a quanto pare ti troviamo nella stessa situazione solo che io faccio 9 o 10 ore al giorno, a volte anche il sabato,lavoro come elettrotecnico e mando avanti la produzione di uno stabilimento bene nell’azienda in cui lavoro ci sono quattro raccommandanti,figli di papà,che non solo non lavorano quasi per niente ma si fanno le canne e minacciano di darti fuoco all’automobile se tenti di prendere provvedimento e il mio principale mi dice di ignorarli tanto li stipendia lui ma al lavoro che mi scarico sulle spalle, insieme ad altri due ,non ci pensa e devo tenere la dignità da parte .

    Spero che tu mi venga a dire che l’era dei raccommandati è finita e adesso li mandano a casa

    a favore dei più bisognosi .

    No non è proprio così visto che con qualsiasi legge i raccommandanti conserveranno il loro posto mentre io e altri saranno più soggetti a licenziamento e se poi l’azienda chiude per incompetenza non posso dire che è peggio per loro e che il mio principale se li è andati a cercare

    se un’azienda chiude il danno è per tutti e dopo che faccio vado a dormire con il sacco a pelo ?

    come fanno in Gran Bretagna dove chi aveva un posto di lavoro,qualsiasi sia stato il suo rendimento,una volta licenziato rischia di trovarsi a dormire per strada.

    Cerca di esser un pò obiettivo le condizioni di lavoro non sono eguali per tutti.

    Tanti saluti

    Moebius

  2. I miei complimenti finalmente qualcuno che ragiona anch’io credo alle moderne norme economiche di impresa e di iniziativa privata ma da quello che viene constatato le concenzione di economia del nostro capo di governo sono piuttosto arcaiche più favorevoli a una economia centralizzata che a un regime di liberoscambio e iniziativa non credo che nel 2002 qualcuno possa riproporre la Thacher dopo il fallimento delle sue misure economiche che hanno comportato crisi economiche a vantaggio di qualche lobby economica

    ma pensare che pochi uomini possano rappresentare l’economia di una nazione intera è una teoria del secolo scorso.

    Cordiali saluti

    Moebius.

  3. caro amico ebrei o non ebrei erano ugualmente italiani e poi prova a pensare a tutti gli italiani deportati in Germania per uccisi o sfruttati per lavorare ai 5000 carabienieri deportati e uccisi solo per aver difeso la capitale ,l’ordine venne firmato da quel carnefice di Graziani che digraziamente era italiano,alla strage di Cefalonia e molte altre.

    Moebius

  4. Quanti morti ha causato,per conto proprio Mussolini?

    1,mille un milione?

    non si è mai stabilito!

    conosciamo l’ammontare ,aprossimativo,delle vittime di Stalin di Hitler e di Milosevic

    ma non conosciamo le cifre di Mussolini

    eppure solo in Libia e Etiopia aveva causato prima della guerra più di un milione di morti

    senza contare il coinvolgimento nel conflitto della Grecia e Jugoslavia voluto solo e direttamente da Mussolini, poichè Hitler era concentrato nell’organizzare l’operazione barbarossa contro l’U.R.S.S. da pensare a invadere i duei paesi,con il risultato di provocare 1.500.000 morti e la perdita dell’Istria con le conseguenti foibe.

    Quello che ho detto non lo trovate sui libri di storia perchè una Noriberga in Italia,a differenza di Germania e Giappone,non c’è mai stata,grazie anche a Togliatti che risolse il problema dei crimini commessi dai nazifasciti e fazioni partigiane con una amnistia,ma andate a documentarvi se ne avete coraggio.

    Moebius

  5. I partigiani sono usciti dal guscio solo quando i fascisti erano allo sbando, e unitamente alle bande di tito sono stati capaci solo di sterminare donne e bambini in istria, e buttarli nelle foibe, bravi i partigiani che prima dell’8 settembre si vendevano gli ebrei in cambio di cibo, e bravi quei partigiani che hanno aiutato gli inglesi a disfarsi di scomodi testimoni sulle montagne del monte cassino!

    BRAVI VIGLIACCHI!

  6. Nel dopoguerra vennero condotti processi sia contro in criminali fascisti e le fazioni partigiane ree di atrocità.

    Poi Togliatti diede la grazia a tutti anche ai fascisti,per via della loro contrarietà all’ingresso della NATO,ma i crimini fascisti erano meno peggiori?

    Ti fanno schifo le foibe ma tutti i morti che ha fatto il regime fascista non ti fanno,ugualmente,

    schifo o sei solo un ipocrita del cavolo?

    che piange sulle foibe e non pensa che i fascisti hanno fatto altrettanto:i borbandamenti con armi chimiche contro gli Etiopi l’agressione contro la Grecia che ha causato il coinvolgimento della Jugoslavia e le conseguenti foibe i 5000 carabinieri di Roma deportati,per ordine di Graziani,in Germania solo per aver difeso la capitale i tutti gli italiani spediti ai lavori forzati nei campi di lavoro.

    Sei capace di dirmi quanti morti ha fatto Mussolini?

    vediamo se sei capace di rispondere.

    Moebius

  7. Che il fascismo abbia fatto morti e innegabile, e senz’altro e colpevole del coinvolgimento dell’italia negli eventi bellici, ma non dimentichiamo quanti comunisti di oggi erano gerarchi di allora, non scordiamoci il massacro della brigata osoppo ad opera dei “partigiani”, non scordiamoci che togliatti lascio in russia “qualche” Italiano a congelarsi in siberia,

    per non parlare di qualche repubblichino che ora milita con orgoglio nelle fila di Bertinotti “DARIO FO?” la mia era una critica all’esaltazione di un gruppo di mercenari che al momento giusto saltarono sul carro del vincitore quei vigliacchi che oggi tutti chiamano partigiani

  8. Come ti ho detto vennero condotti dei processi contro entrambi le parti e poi Togliatti non lo stimo per niente accettò di combattere il fascismo solo dopo l’invasione dell’U.R.S.S. in precedenza il patto Hithler-Stalin favorito,anche da Mussolini,aveva causato

    la mancata opposizione dei partiti comunisti in Europa contro il nazismo abbandonando la Spagna Repubblicana alla sconfitta e molti comunisti tedeschi rifugiati in U.R.S.S. furono rimpatriati a forza per ordine di Stalin causando la loro morte .

    Ma come poi dire che tutti i partigiani erano come quelli della brigata osoppo?

    non metto certo a dire che tutti i repubblichini erano assassini e tutti i soldati tedeschi erano aguzzini sanguinari.

    Se non guardi le cose da più punti di vista

    non puoi condannare e discolpare a piacimento

    chi ha ucciso è innegalmente un’assassino.

    Il 25 aprile ho visto dei manifesti mortuari a favore dell’anniversario della morte di Mussolini ma anche fossero di Togliatti o un altro politicante con che coraggio si celebra la morte di chi ha ucciso e rubato .

    Moebius

  9. Sul fatto che non bisogna fare dell’erba tutto un fascio non ci sono dubbi, che mussolini sia colpevole come altri di molte morti siamo d’accordo, e posso anche concederti il fatto che non tutti i partigiani erano assassini ecc, ma la mia era una critica all’assoluta ammirazione dei partigiani italiani, del fatto che il loro operato non e mai stato criticato dagli storici contemporanei, insomma che molti hanno gettato il fumo negli occhi su quello che veramente e accaduto nel biennio 43 45, nei libri di storia dei ragazzi delle scuole non esiste traccia delle foibe o di osoppo, non si parla degli esuli dell’istria ecc, ormai celebrare il 25 aprile serve solo a dare un barlume di luce a chi vede i propri ideali sciolti come neve al sole….che tristezza resuscitare i morti…

  10. Anche se non siamo della stesse opinioni non ho negato che tra i partigiani vi erano degli assassini altrimenti perchè avrei parlato dei processi del dopoguerra?

    Certo sapere che l’attestato di partigiano è stato dato perfino a individui come Licio Gelli,che peraltro era un’ufficiale di Salò,no mi piace per niente.

    Ma no piace neanche il gioco di alcuni revisinionisti che cercano di sfruttare la storia delle foibe e nello stesso tempo minimizzare le stragi commesse dal nazifascismo o adirittura giustificarle.

    I responsabili delle foibe sono indubbiamente degli assassini e non esiste giustificazione per il loro operato ma prova a pensare che il regime fascista aveva compiuto in Jugoslavia analoghe azioni rendendosi responsabile delle prime pulizie etnice tramite gli “ustascia”di Ante Palevic e il risultato che i partigiani di Tito da vittime erano poi diventati carnefici prendendosela con chi non c’entrava niente .

    Certo anche così non riconosco attenuanti per il loro operato chi ha perso la propria famiglia non pùò vendicarsi uccidendo la famiglia di un’altro ma ti chiedo chi ha cominciato a scatenare tutta quella catena di odio e stragi?non era meglio che la guerra non fosse mai scoppiata?

    e che il regime fascista non fosse mai esistito?

    Moebius.

  11. Sono d’accordo sul fatto della pazzia che ci fece entrare in un conflitto rovinoso, sarebbero da imputare molte persone, e senza a stare li a dividere responsabiltà secondo me l’ingresso dell’italia in guerra comunque non fu voluto solo da mussolini e da qualche gerarca, ma da una classe politica spalleggiata da potenti famiglie, le stesse poi che saltarono sul carro del vincitore l’8 settembre, e si misero il fazzoletto rosso al collo, le stesse famiglie che negli anni 50 facevano affari d’oro con l’unione sovietica conquistando allora un monopolio economico da capogiro, in cambio di tessere del PCI, e di molti “referenti” che il buon d’alema ha sapientemente COPERTO con il segreto di Stato. Gli stessi personaggi che diventarono amici di craxi per poi “ucciderlo” durante mani pulite, quelli poi che mandano i figli alle manifestazioni a bruciare auto e spaccare vetrine, sono quelli poi che continuano a fare affari d’oro con le multinazionali, ma sono i primi a votare rutelli che di verde ormai ha solo il colore della bile per la batosta presa. Potrei continuare per molto tempo ed elencarti come vivono quelli che lottano per il popolo, gli stessi che a Piazza del Popolo 60anni fa gridavano guerra!!!

  12. OMERTA’???? Ma sant’iddio, se mia nonna si schiaccia un brufolo e tu non lo vieni a sapere, questa è omertà? Sarà piuttosto che -effettivamente- non glie ne frega niente a nessuno di questa storia, tranne a chi vuol fare del -facile- sensazionalismo plateale senza avere argomenti più interessanti? Per quanto riguarda i lavoratori, mi dispiace per loro, ma se la situazione era così tragica, io non avrei aspettato la lettera per andarmene….per gli immigrati, beh……..almeno adesso hanno un motivo per regolarizzarsi. Jean

  13. chi è che gli ha dato la carica a questo?

    buttate via la chiavettaaaahhhh

  14. Chi si firma anonimamente e già chiuso dietro un muro di vergogna, la tua chiave l’hanno buttata anni fa CODARDO!!!!!!!

  15. Scusate non sto riuscendo a comunicare in altro modo!

    C’é bisogno di un forum urgente sulla FIAT.

    Tutti fingono di niente, ma sta fallendo!!!!

  16. Hei Baxter ,scusa il ritardo per risponderti,

    anch’io sono il primo a dire che la rovina della sinistra italiana consiste nell’inborghesimento

    D’alema e altri non vengono mica da famiglie operaie e in fabbrica ci sono entrati solo per chiedere voti.

    Quanto a Mussolini come era lo stesso per Hitler sono cosciente che non ha fatto tutto da solo tanto da essere solo un burattino mentre dietro le quinte industriali,aristocrazia e latifondisti facevano i loro interessi permettendo qualche eccesso al loro cane da guardia.

    Ma io ritengo che la principale fonte di rovina per questa nazione è costituita dalla destra italiana che ha continuato a spadroneggiare fin dal dopoguerra e tuttora detiene la maggior parte del controllo politico e economico del paese,certo i loro oppositori politici non sono migliori ma questo non significa che debba accettare il loro operato.

    Moebius.

  17. Quando l’avversario e numericamente e militarmente superiore e’piu che lecito.e se hanno rischiato la loro vita e non quella dei codardi,bastardi e figli di puttana come te

    che probabilmente hanno nella testa un idea del mondo che non ha un cazzo a che vedere con la realta.I tipi come te li farei prendere a calci da coloro che sono stati presi e sbattuti in russia a morire, mentre le gerarchie politiche e militari brindavano nei loro salotti e si dividevano e si dividono il mondo a tavolino mentre i poveracci vanno a farsi ammazzare.Prima .Voi non non eravate niente e non siete niente,siete figli della borghesia, protetti e finanziati dalla loro finanze per conseguire un loro progetto e non certo un vostro.Se il solo il re avesse voluto i fascisti li avrebbe liquidati in poco tempo ma evidentemente la guerra era un grande affare o come lo e’ ancora e voi siete solo pedine.Ciao patriota dei mie stivali,vai a leggerti un po’ di storia ed impara il vero senso delle parole.

Comments are closed.