Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

il mito della caverna

MATRiX, PLAT0NE E iL MiT0 DELLA CAVERNA
=======================================
“[…] Pensa a uomini, in una caverna sotterranea, dotata di un’apertura
verso la luce che occupi tutta la parete lunga. Essi vi stanno chiusi fin
dall’infanzia, carichi di catene al collo e alle gambe che li constringono
a rimanere li e a guardare soltanto in avanti poiche’ la catena al collo
impedisce loro di volgere in torno il capo. In alto, sopra di loro, brilla
lontana una fiamma; tra questa e i prigionieri corre una strada in salita,
lungo la quale e’ stato costruito un muretto, simile ai paraventi divisori
al di sopra dei quali i saltimbanchi mostrano al pubblico i loro prodigi. […]
(Platone, “La Repubblica”, Libro VII).

Cosi’ si apre il settimo libro di una delle piu’ importanti opere di Platone.
In sintesi il filosofo greco parla di una societa’ in cui i cittadini
(definiti “prigionieri”) vengono costretti dalla nascita a credere che le ombre
che vedono siano la “realta'”, ignorando di fatto l’esistenza della “luce”
(la verita’), visione la quale terrorizzerebbe gli individui non pronti
a tale “rivelazione”. Ma il Filosofo, una volta liberatosi dalle catene che
lo imprigionano all'”illusione” (che i buddhisti chiamano “Maya”), agisce
per “risvegliare” gli altri “prigionieri”.
Matrix, una volta svestito dagli effetti speciali e dall’ambientazione (o
travestimento ?) fantascientifica e futuribile, ci veicola gli stessi concetti.
Neo, “l’eletto” (l33t!!!), una volta risvegliato (seguendo il “Bianconiglio di Alice”),
si ritrova nel “paese delle meraviglie”, trovandosi di fronte ad una realta’ sconvolgente.

“Io ti mostro la via: sta a te varcare la soglia…”
(Morpheus,”Matrix”)

tratto da “Guru Meditation” di Tritemius

Commenti Facebook

8 thoughts on “il mito della caverna

  1. paragonare matrix a platone è da sottosviluppati mentali. Porta rispetto per le vere menti ed evita di mitizzare film.
    malcomx

  2. non darei del sottosviluppato mentale a chi paragona Matrix a Platone… soprattutto per il fatto che Matrix è esplicitamente tratto da Platone. L’esempio lampante del fatto che la citazione è esplicita e voluta (poi MAtrix può piacere o meno, ma anche Platone può piacere o meno) è quello dell’Oracolo. Nella cucina a casa dell’oracolo, sulla parete, c’è scirtto “conosci te stesso” e quella era una frase scritta sul tempio dell’Oracolo di Delfi. Ora, è noto che nel mito della caverna, quando si gli altri prigionieri cercano di uccidere colui che vorrebbe portarli fuori, c’è un’esplicita allusione alla condanna a morte di Socrate. Ed è anche noto che Socrate apprende della sua missione di filosofo (più o meno indirettamente, v. Apologia) dall’oracolo di Delfi. Analogamente al protagonista di MAtrix.
    Al di là di tutto, non c’è bisogno di mitizzare matrix per rendersi conto che (almeno il primo matrix) contiene molti spunti filosofici. L’attaggiamento di chi mitizza i filosofi e si rifiuta di paragonarli a film più o meno commerciali è l’attegiamento spocchioso di molti professori che riescono colpevolemnte ad allontsanare i loro alunni dallo studio della filosofia.
    Personalmente, quando la prossima settimana dovrò spiegare il Mito della Caverna, chiederò se in classe ci sia qualcuno che ha visto AMtrix e mi farò raccontare la trama. Poi leggerò il mito.

  3. nella mia scuola stiamo facendo proprio delle ricerche che mettono in evidenza questi lati simili…..
    mi sa che il minimizzato di mente e’ proprio quel pirla che ha scritto il primo commento!
    bravo ignorante!

  4. ahahhahahah
    mi faccio tante risate
    per prima cosa
    non è nocivo paragonare platone a matrix
    molti sono convinti che qualsiasi cosa sia nuova moderna o abbia riscosso successo non sia degna di stima
    io ribatto che anzi: è una buona cosa se matrix ha avuto successo…
    magari non subito ma fra qualche anno matrix verrà considerato un cult proprio per gli argomenti che tratta così “velatamente”
    qualcuno ribatterà che quella di matrix è una cntilena talmente vecchia ( vedi platone)
    che ci si è stufati di sentirla
    benissimo ok
    tappati le orecchie,
    non è senza di te che perderemmo qualcosa
    ma anzi
    perderemmo qualcosa se non esistesse più un matrix
    un david icke
    un celentano
    un prof M. che ti passa tutto il materiale che ha su il boicottaggio
    che lo promuove e ne fa una campagna di classe ( anke qui ho avuto le mie delusioni…sapete ragazzine cretine)

    forse è proprio senza di te che il mondo sarà migliore
    perchè di quelli come te ne ho le palle piene…
    perchè chi ci crede… chi mi ama…chi ama… MI SEGUA!!!

    è DISPONIBILE IL MIO INDIRIZZO EMAIL PER CHI MI VUOLE CONTATTARE ??
    FATEMI SAPERE
    se inviate email….nell’ogetto mi raccomando avvertite che siete voi di censurati.it voi anime vive!!!

Comments are closed.