Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

Una nuova forma di dittatura

Mediadittatura. Una nuova forma di dittatura?

di Massimo Ragnedda, tratto da “Il Sacrificio”, ColibrÏ, 2004

ìQuello che accade, accade non tanto perchÈ
una minoranza vuole che accada,
quanto piuttosto perchÈ la gran parte dei cittadini
ha rinunciato alle sue responsabilit‡
e ha lasciato che le cose accadesseroî.
Antonio Gramsci

I regimi con il manganello non hanno pi? ragion díessere, sono superati, obsoleti e il fascismo si evolve e ha trovato nuove forme di controllo del potere che vanno ben al di l‡ del manganello, degli squadroni della morte, delle camicie nere, dei plotoni di esecuzione: i media. Il nuovo fascismo Ë pi? bieco e subdolo. Quello che non Ë riuscito a fare il fascismo e tutte le dittature in generale, come Pasolini ci insegna, Ë líomologazione del pensiero. Anzi tuttíaltro. Sembra paradossale ma in un regime autoritario vi Ë maggiore libert‡ di pensiero, anche se ovviamente non di azione. Quello che non Ë riuscito a fare la dittatura del manganello riesce perfettamente a farlo la dittatura dei media.
Nei paesi totalitari esiste una sorta di ministero della verit‡, non si accettano e tollerano voci diverse, essa Ë la voce unica, la Verit‡. La propaganda ufficiale viene istituzionalizzata, diventa un elemento permanente della quotidianit‡, e tutto viene organizzato in modo tale da promuovere il messaggio ideologico, fornendo cosÏ potere e sostegno al partito dominante. Una propaganda visibile nellíeducazione, negli spettacoli, nei mezzi di comunicazioni nascenti; tutto viene razionalmente organizzato in funzione dello Stato in cui la verit‡ perde completamene il suo valore.
In queste societ‡ totalitarie, chiuse, in queste societ‡ del manganello Ë facile conformare il comportamento ìDi fatto questo non equivale a controllare la mente, ma a seguire la linea del partito. ´ Questa Ë la dottrina ufficiale: fino a quando non disobbedisci non avrai problemi. Quello che tu pensi non interessa a nessuno. [Ö]ª. Le societ‡ democratiche non possono funzionare in questo modo, perchÈ lo Stato non puÚ controllare i cittadini con la forza. [Ö] Quindi deve controllare il pensiero. I teorici della democrazia lo hanno capito da tempo, almeno da settantíanni, e al riguardo sono stati abbastanza espliciti. Se si dovr‡ ascoltare la voce della gente, sar‡ meglio controllare quello che la gente dice. CioË controllarne il pensieroî (Chomsky, 1988: 27).
» una dittatura che non ha il coraggio di presentarsi per quello che Ë e ama definirsi democrazia: una societ‡ del controsenso esistenziale, che dice di amare e lottare per la libert‡ e democrazia ed invece contro di essa combatte. Facciamo le guerre e le chiamiamo umanitarie, vogliamo salvare il popolo iracheno e applichiamo un embargo che stermina milioni di persone. Diciamo di amare la libert‡ e la democrazia e poi vengono aboliti i pi? elementari diritti di uno Stato civile con líistituzione di tribunali militari, da parte dellíamministrazione Bush, per processare le persone sospettate di attivit‡ terroristiche. Grazie a questo decreto firmato dal presidente statunitense il 13 novembre 2001, proprio sfruttando líonda lunga della paura, ìle persone che non hanno la cittadinanza statunitense accusate di aiutare il terrorismo internazionale possono essere processate, a discrezione del presidente, da uno di questi tribunali. Non si tratta di corti marziali che assicurerebbero maggiori protezioni. La sospensione delle tutele costituzionali autorizzato con questo decreto Ë sconvolgente. Il ministro della Giustizia, John Ashcroft ha esplicitamente dichiarato che i terroristi, non meritano le tutele previste dalla Costituzione. Queste sono corti di condanna e non di giustizia. Il ministro della difesa nominer‡ i giudici, con ogni probabilit‡ ufficiali delle forze armate, che decideranno questioni di diritto e di fatto. [Ö] Líunanimit‡ dei giudici non Ë richiesta neppure per emettere una condanna a morte. Gli imputati non potranno scegliere liberamente i loro avvocati. [Ö] Un processo potrebbe svolgersi in un aeroplano e il corpo della persona giustiziata potrebbe essere sepolto in mareî (M. Ratner, Moving Toward a Police State, in ìCounter Punchî, 20 novembre 2001).
Diciamo una cosa e facciamo líesatto opposto e la cosa pi? preoccupante Ë la passivit‡ con cui accettiamo la situazione. Nellíanno 2002 gli USA e líUE hanno speso settecento miliardi di dollari per comprare armi che servono per attaccare e distruggere paesi, uccidere, seminare odio e terrore, eppure secondo la Banca Mondiale ne basterebbero dodici per sfamare per un anno i milioni di bambini e adulti denutriti. Diciamo di combattere il terrorismo quando per anni lo abbiamo alimentato, forgiato, osannato, usato per abbattere un nemico. Pensiamo ad esempio allíazione umanitaria della Nato in Kosovo dove erano operativi e combattevano gli uomini di Al Qaeda, sostenuto dagli alleati.
ìIl Washington Times riporta che, unendosi con líEsercito di liberazione del Kosovo (KLA), che secondo fonti di intelligence si finanzia con la vendita di eroina e cocaina, gli Stati Uniti in un certo senso sono diventati soci di Osama bin Laden, il terrorista internazionale che si cela dietro gli attentati dello scorso anno contro le ambasciate USA in Kenya e Tanzania. Secondo fonti del quotidiano, il KLA Ë collegato ad uníestesa rete del crimine organizzato con quartier generale in Albania. Nel 1998 il Dipartimento di Stato ha inserito il KLA nella lista delle organizzazioni terroriste che si sostengono con i profitti della droga e prestiti da noti terroristi come bin Laden… Un alto funzionario dellíantidroga ha raccontato al Times che essi erano terroristi nel 1998 ed ora, per motivi politici, sono combattenti per la libert‡î (The Daily Oklahoman, 28 maggio, 1999).
Di questo i nostri media non parlano se non in qualche rivista controcorrente o sito on-line ancora non oscurato. Spesso líinformazione viene indirizzata verso un obiettivo aprioristicamente scelto. I giornali italiani del 12 settembre 2001 avevano in prima pagina la faccia di bin Laden.Le prime pagine vengono chiuse intorno alle 20/21 della sera e gli attentati sono avvenuti intorno alle 15/16 ora italiana; nonostante siano trascorse allíincirca 4/5 ore dallíattentato a sorpresa che nessuno poteva immaginare, sono bastate due o tre ore per trovare il colpevole di un attentato in realt‡ mai rivendicato. Addirittura sulla versione on-line del Washington Post si faceva il nome di bin Laden dodici minuti dopo líattacco alla prima torre.
» evidente che qualcuno aveva fatto di tutto per indicare subito il colpevole e fornire allíopinione pubblica la facile lettura di un terrorista islamico accecato dallíodio verso líoccidente e le sue libert‡. Questo facile stereotipo Islam = terroristi Ë talmente radicato nella nostra societ‡ che basta che una giornalista scriva le sue farneticanti teorie che i suoi libri vendono milioni di copie e il quotidiano e il settimanale dove appaiono le sue offensive riflessioni aumentino la tiratura. Qualcuno ha avuto tutto líinteresse a fornire subito un colpevole sul quale orientare il nostro odio senza darci tempo di riflettere e pensare.
Prima di scatenare líoffensiva contro líAfganistan ci hanno bombardato di immagini delle donne afgane avvolte dal Burqa o della popolazione civile afgana costretta a portare la barba folta. Ogni giorno i nostri Tg hanno scatenato líoffensiva mediatica mettendo in risalto la crudelt‡ e la barbarie del regime talebani per giustificare cosÏ il ricorso alla guerra. I giorni immediatamente successivi allí11 settembre le immagini in Tv si alternavano tra le macerie delle Twin Towers (simbolo del dolore) e quelle delle donne afgane oppresse ed il burqa veniva visto come simbolo di oppressione. Un intero popolo veniva criminalizzato e reso complice di un massacro. Dopo la ìliberazioneî si Ë visto in Tv qualche donna a volto nudo, sinonimo di libert‡ e democrazia, simbolo di pace e progresso. Ma quanti sanno cosa sta succedendo oggi alle donne afgane? I Tg ne stanno forse parlando? Hanno líinteresse di farlo? Gli USA hanno installato un loro protettorato, questo Ë quello che conta. I diritti umanitari quando non sono un pretesto per giustificare qualche guerra non fanno notizia.
Oggi dellíAfganistan non si parla perchÈ abbiamo portato gi‡ la nostra democrazia, fatta di bombe e militari, interessi economici e protettorato coloniale. Di questo i Tg non parlano ma questa Ë la cruda verit‡, ci piaccia o meno. Questa Ë quello che succede oggi in Afganistan anche se i media tendono a non parlarne.
Il nuovo totalitarismo Ë quello che fa credere al popolo che ad organizzare e portare perfettamente a segno líattacco alle Torri gemelle siano stati quattro studenti di religione accecati dallíodio verso la nostra libert‡, che dalle caverne afgane sono riusciti ad eludere i pi? raffinati controlli del pi? sofisticato sistema di difesa del pianeta. Il nuovo totalitarismo mediatico Ë quello che ci fa credere che le operazioni di speculazione finanziaria di svariati miliardi di dollari siano state abili mosse finanziarie dei terroristi che hanno cosÏ rimpinzato le casse del terrore. Il nuovo Stato totalitario Ë quello che, per dirla con Huxley, si prefigge di far amare agli schiavi la propria schiavit? senza esserne costretti. Bisogna far amare agli schiavi la propria schiavit?, compito che, sempre secondo lo scrittore inglese, spetta ai caporedattori dei giornali, ai maestri di scuola e ai ministeri della propaganda.
» difficoltoso far capire agli schiavi quali sono le catene che li legano, visto che amano la propria schiavit? credendola in realt‡ libert‡.

Massimo Ragnedda, tratto da Il Sacrificio, ColibrÏ, Milano, 2004

http://www.criticalpoint.it/news.php?cod=31″

Commenti Facebook