Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

Venezia muore nel gesso

Questa che riporto È una mail che inviai alla redazione del noto programma di Rai3 “Report” in data 9 Marzo 2004.
Ad oggi non ho ancora ricevuto una risposta definitiva (cosa comunque comprensibile, dati i tempi che penso richiedano inchieste come le loro), ma nell’attesa mi sembra giusto diffondere comunque l’appello.

Segue il testo integrale della mail da me inviata e la prima (e unica) risposta della redazione.

———————-
Sent: Tuesday, March 09, 2004 3:03 AM
Subject: Gessificazione di Venezia

All’attenzione della sig.ra Milena Gabanelli e dello staff di Report tutto.

Buongiorno,

Non sono purtoroppo sicuro che sar· Lei in persona a leggere questo mio appello, ma la speranza È sempre l’ultima a morire.
Io mi chiamo Alexander Bonivento e vivo a Venezia.
Sono membero del “Comitato di Salute Pubblica” di Venezia, sito internet
http://www.ombra.net/venezia
Nello specifico, la parte cui ora mi riferirÛ si trova qui:
http://www.ombra.net/venezia/Venezia_gessificazione/index.html

Come si puÛ leggere nella suddetta pagina, il Comitato denuncia non tanto un
malcostume/malgoverno della citt· di Venezia, quanto il fatto che Venezia se
ne st· andando. Fisicamente.
Purtroppo non vi È pi? spazio per “discutere”, “ponderare”, “accertare”:
quanto riportato sul sito (documentazione sia fotografica che audiovisiva) È
constatabile in prima persona venendo in citt· anche per pochi minuti, il
dramma si svolge ormai in ogni luogo di essa.

Come Veneziano È ormai la disperazione che mi porta a scriverLe.
Come essere umano È pi? un profondo rancore verso quegli avvoltoi che stanno distruggendo 2000 anni di storia senza pudore alcuno.

Non vorrei sembrare nÈ logorroico nÈ patetico in questa lettera che ora Le
stÛ scrivendo, pertanto mi limiterÛ soltanto ai punti cardine (mi creda,
ogni volta che parlo di questo fatto piango lacrime reali, non mi È facile).

1) Per apprendere in pieno il problema di cui parlo, sappia che tutto il
materiale a nostra disposizione (che È materiale autoprodotto) È disponibile
sul sito. La invito pertanto a vedere con particolare attenzione:

– la galleria fotografica visibile dal fondo pagina di
http://www.ombra.net/venezia/Venezia_gessificazione/index.html

– la drammatica sezione video presente alla pagina
http://www.ombra.net/venezia/avi/index.html

– i testi pubblicati in
http://www.ombra.net/venezia/Venezia_gessificazione/docs.html

– di interesse anche alcuni articoli scritti su Venezia Observer
http://www.ombra.net/observer
e relativi commenti su
http://ombra.net/phpbb/viewforum.php?f=5

2) La mia speranza, avendo avuto modo di vedere e apprezzare il Vostro modo di fare videogiornalismo, È di ricevere da parte Vostra un aiuto reale.
Purtroppo ci siamo gi· scontrati con realt· giornalistiche e televisive che
deliberatamente hanno ignorato il nostro appello.
Non posso dirne con certezza il motivo, ma un coinvolgimento “di favori” e
ignavia distribuita sembrerebbe piuttosto probabile.
Basti pensare che, come riportato nella sezione dei testi, abbiamo
contattato praticamente ogni autorit· che dovrebbe poter agire in questo
senso per ricavarne solo un continuo scaricabarile tra le parti.

3) Il problema non È “ipotetico”, “fittizio” o “allarmista”: È reale e
fisico.
… sufficente una breve passeggiata in citt· per rendersene conto.
Non È che “rischiamo di perdere Venezia se”, Venezia la stiamo gi· perdendo
al ritmo di quintali di pietra che crollano ogni giorno.
Non c’È muro o parete dal quale non sia possibile togliere a mani nude e senza sforzo chili di pietra ogni volta, come documentato dai video.

4) Vero, io stÛ chiedendo a Voi un aiuto disperato, perchÈ disperata È la
situazione. Tuttavia nessuno certamente vi puÛ obbligare a prendere questo problema in esame. Io spero di sÌ, con tutto il cuore.
PerchÈ il tempo che resta per poter ancora fare qualcosa È drammaticamente poco.
Voglio avere coscienza di aver tentato tutte le strade possibili: nessuno
potr· mai dirci “parlate tanto ma non avete fatto nulla”.
Finora abbiamo fatto tutto il possibile e anche di pi?: ma sconfiggere una
congiura del silenzio non È per nulla facile.
Per contro, il fatto di aver avvertito ogni possibile autorit· senza
successo ci rende possibile il marchiarli senza falsit· come nemici di
Venezia, cosÌ come della Cultura e dell’Arte che essa rappresenta.
Per questo spero che questo appello non resti anche da Voi inascoltato.

Se non potete/volete aiutarci, vi pregherei di dirci il perchÈ ed eventualmente consigliarci su eventuali altre strade secondo Voi percorribili per diffondere la conoscenza del dramma.

Se invece (come intimamente spero) comprendete il reale e terribile rischio
che questa citt· unica al mondo st· affrontando e voleste aiutarci
diffondendone la conoscenza, potete contattarmi in qualsiasi momento.

L’unica cosa che vi chiedo comunque cortesemente È di darmi una risposta,
non importa se positiva o negativa.
Voglio credere che ci sia ancora qualcuno capace di affrotare la realt·,
invece di far finta di nulla come si trattasse di una lettera smarrita e mai
letta.

I dati per contattarmi:
email: alex@ombra.net
telefono: (rimosso per motivi di privacy)

Se siete arrivati fin qui, Vi ringrazio anticipatamente per aver letto tutto
quanto ho scritto.

Alexander Bonivento,
membro del Comitato di Salute Pubblica a Venezia

———————-

Received: Tuesday, March 09, 2004 11:20 AM
Subject: RE: Gessificazione di Venezia

Gentile Alexander, siamo noi redattori a leggere le mail e a rispondervi ma
le assicuro che tutte le segnalazioni che ci arrivano vengono poi sottoposte
all’attenzione di Milena Gabanelli, che procede poi ad una
selezione(inevitabile e necessaria) delle varie proposte. Per il momento La
ringraziamo di averci scritto e della disponibilit‡. Un saluto dalla
redazione.

Commenti Facebook