Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

la fine di san libero

clarence non permette che san libero viva. La rete invece lo esige.
ecco il commiato di riccardo orioles dai suoi lettori:

Con questo numero si conclude, dopo cinque anni, la mia collaborazione con Clarence. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato con noi in questi anni, contribuendo direttamente o indirettamente al successo di “Tanto per abbaiare”. Ringrazio soprattutto i lettori, e in particolare quelli loro che pur non condividendo le mie idee mi hanno tuttavia seguito con civilta’ e simpatia.
E’ un buon auspicio: la liberta’ d’informazione, nel nostro paese, e’ infatti ormai affidata quasi esclusivamente al pubblico dei lettori. Non esistono praticamente piu’ meccanismi economici o professionali o sindacali su cui si possa contare per difendere questo bene essenziale, da cui dipendono tutti gli altri. Il lettore avvertito, qualunque sia la sua idea politica, secondo me dovrebbe riflettetterci su e, ciascuno a suo modo, tenerne conto.
Il nostro appuntamento continuera’ peraltro regolarmente e, per chi lo vorra’, ancora piu’ direttamente: inviero’ infatti la mia e-zine settimanale, con i consueti argomenti, a tutti coloro che me la richiederanno scrivendo a riccardoorioles@gmail.com

Commenti Facebook

One thought on “la fine di san libero

  1. continua ANCHE su censurati.
    Puoi sostenerla in due modi:
    – fare bonifico su: Riccardo Orioles, conto BancoPosta 16348914 (abi
    07601, cab 16500);
    — effettuare ricarica telefonica (Tim) su 333.7295392.

    Puoi riprenderla su web, mail, volantini, giornali ecc, purche’ non a
    fini di lucro. Puoi forwardarla ai tuoi amici. Se hai un sito o un blog puoi montarci la “Catena” e i successivi aggiornamenti.

    Viene rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-NonCommerciale.

Comments are closed.