Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

Il Capitano Ultimo al gioco al massacro non ci sta

di Ultimo

Marco Travaglio (e la lobby che lo sostiene) non ha gradito l’arresto di Riina Salvatore.
Si capisce dall’articolo pubblicato su l’Unità il 3/12/2007.
E leggendo quell’articolo ancora una volta bisogna riaffermare una verità sistematicamente ferita e tradita.
Non venne fatta la perquisizione all’abitazione di Riina perchè il capitano ultimo (e la Procura di Palermo) volevano seguire i fratelli Sansone per sgominare i circuiti politici ed imprenditoriali che sostenevano Riina.
Purtroppo una strana (e mai indagata) fuga di notizie permise ad Attilio Bolzoni e altri giornalisti di individuare e sostare davanti alla casa di Riina bruciando questa strategia investigativa che avrebbe distrutto il livello politico-imprenditoriale dei corleonesi.
Quindi per favore smettiamola con i fantasmi di accordi sottobanco e altre simili squallide ipotesi.
Se avessi voluto aiutare Riina semplicemente non l’avrei arrestato. Nessun premio, nessun vantaggio nessun patto.
Dietro alla cattura di Riina non vi fu nessuna trattativa, nessun inganno verso la Procura che invece stava per farsi sfuggire ancora una volta il latitante.

Come scrisse proprio il maestro di Travaglio, il grande Indro Montanelli (2 novembre 1999) dopo l’arresto di Riina, “come ricompensa il gruppo, formato da uomini specializzati in questo genere di operazioni e – come quasi sempre capita in tali casi – animati da un fortissimo spirito di corpo e legati al loro comandante fra loro conosciuto sotto il nome di battaglia di “capitano Ultimo”, è stato disciolto, e il capitano Ultimo mandato a fare magari il primo in qualche ufficio. Perché? “

Marco Travaglio deve farsene una ragione anche se questo ridurrà l’audience (e l’incasso) dei suoi spettacoli.
La deve smettere di offendere umili ed isolati combattenti di strada e la deve smettere di ingannare la gente.

Onore a tutti i combattenti caduti contro la mafia.

ultimo

Commenti Facebook

13 thoughts on “Il Capitano Ultimo al gioco al massacro non ci sta

  1. all’ansa è uscito questo comunicato. 10 a 1 che nessuna testata di carta stampata a larga diffusione lo riporterà. Si accettano scommesse. Io dico che nessuno si andrà a mettere contro Travaglio.
    Voi che dite?

  2. si vanta così tanto di essere stato il discepolo preferito che appena può prende le distanze pure da montanelli?

    Meno male che lo adorava. E se lo odiava? Diventava mafioso pure Montanelli?

    A Trava’, ma va’ a lavorà, va

  3. Travaglio, purtroppo per noi, ha perso un’altra occasione per stare zitto…
    e temo che continuerà in quella direzione, perchè un cambio di rotta ora gli farebbe perdere la faccia e la credibilità (per chi crede che ne abbia una).

    Purtroppo la vera colpa di ultimo e della sua squadra è stata quella di aver catturato riina.

    Se ultimo fosse stato un “normale” impiegato statale, e avesse mancato l’arresto di riina (come altri prima di lui), mica gli avrebbero fatto un processo, e mica continuerebbero ad attaccarlo ad ogni occasione…

    L’onestà e la professionalità di ultimo non sono e non si possono mettere in discussione…
    Chiunque lo faccia, nel migliore dei casi non sa di cosa sta parlando.

    un abbraccio
    fabio z.

    p.s. per antonella: non scommetto perchè la penso esattamente come te

  4. Hope

    Signori, ci sta forse che Travaglio abbia preso un abbaglio. Nel caso sarebbe bene se ne rendesse conto e rettificasse, ma in tutta onestà, questo comunicato di “Ultimo” mi appare alquanto sconnesso e più frutto di un comprensibile disappunto che volto a spiegare come andarono i fatti.

    Innanzitutto. Chi sono i giornalisti che con il loro appostamento fecero saltare l’operazione? Nomi e cognomi sarebbero graditi, perchè ultimo è un eroe e non un qualunquista.

    Punto secondo. Travaglio si pone delle domande logiche alle quali anche questa volta Ultimo si guarda bene dal rispondere. Su quelle domande basa le sue teorie.

    E poi pare buffo che si citi “Montanelli” il quale scrisse che gli pareva strano che dopo l’arresto di Riina il reparto del Capitano Utimo fu sciolto e lui stesso trasferito. Questo particolare, non fa che rafforzare le tesi di Travaglio.

    A mio avviso si voleva fermare Riina. Ed era una volontà condivisa da Stato e dalla mafia, in quanto Riina con le sue stragi, seppur necessarie forse e comandate dall’alto, aveva praticamente puntato i riflettori su “Cosa Nostra” e questo, per l’organizzazione era male, in quanto nel silenzio si fanno gli affari migliori.

    Seppure questa storia fosse vera, il “capitano Ultimo”, non l’ammetterebbe mai. A noi nn resta che credere a quel che ci pare più logico e sensato. In tutta onestà, pensare che tutto saltò per dei giornalisti curiosi…io non so voi, ma a me la cosa non quadra affatto.

    Stando sempre che nel mio teorizzare io spero di sbagliarmi, ma che si sia voluta cessare la lotta alla mafia è cosa che è sotto gli occhi di tutti. Il silenzio di questi anni ne è la prova.
    Ultimo e gli uomini che fermarono Riina restano degli eroi in ogni caso, ma dall’alto a mio avviso si decidono stragi ed arresti. Mafia e Stato convivono e si intrecciano nelle maniere più impensabili.

    Questo è il mio pensiero, contro corrente a quanto vedo, ma semplicemente il pensiero di uno qualunque che non fa deglii scritti di qualcuno la bibbia, che siano essi giornalisti affermati come Marco Travaglio o Eroi Decorati come il Capitano Ultimo.

    La malattia dell’Italia in fondo è questa: si sceglie in quale curva stare e ci si comporta da Ultras. Io osservo dalle tribune centrali. Gli insulti e le violenze della curve le lascio a chi ha volontà di crear conflitti e non giungere mai alla verità.

  5. Innanzitutto. Chi sono i giornalisti che con il loro appostamento fecero saltare l’operazione? Nomi e cognomi sarebbero graditi, perchè ultimo è un eroe e non un qualunquista.

    Attilio Bolzoni, il primo, poi vennero chiamati tutti gli altri, venne fatto un comunicato stampa proprio dalla caserma dei carabinieri, nonostante l’ordine di secretare il posto. E’ tutto negli atti del processo, che Travaglio deve aver visto bene, se parla così spesso di questo caso.

    Punto secondo. Travaglio si pone delle domande logiche alle quali anche questa volta Ultimo si guarda bene dal rispondere. Su quelle domande basa le sue teorie.

    No no, Travaglio fa affermazioni. Io non ho letto domande. A qualunque domanda sia stata fatta, Ultimo ha risposto con spiegazioni. La spiegazione è nell’interrogatorio di Ingroia al processo (purtroppo non posso metterlo on line, mi riservo di trascriverlo, ma sono ore, quindi mi serve tempo.. avrai tutto). Le spiegazioni sono state chieste e sono puntualmente arrivate. Purtroppo, casualmente, non sono state rese pubbliche.

    E poi pare buffo che si citi “Montanelli” il quale scrisse che gli pareva strano che dopo l’arresto di Riina il reparto del Capitano Utimo fu sciolto e lui stesso trasferito. Questo particolare, non fa che rafforzare le tesi di Travaglio.

    Perdonami, ma non capisco. Che tesi rafforza? Travaglio si bea di essere stato un pupillo di Montanelli, ma alla prima occasione fa l’opinionista che va contro Montanelli, che invece cita “i fatti”. Perchè che la squadra di Ultimo è stata sciolta dopo l’arresto di Riina, è un fatto, non un’opinione. E Montanelli, ci capiva un po’ di più, del suo pupillo, credo.

    A mio avviso si voleva fermare Riina. Ed era una volontà condivisa da Stato e dalla mafia, in quanto Riina con le sue stragi, seppur necessarie forse e comandate dall’alto, aveva praticamente puntato i riflettori su “Cosa Nostra” e questo, per l’organizzazione era male, in quanto nel silenzio si fanno gli affari migliori.

    Ecco, a tuo avviso è così. Ed è un’opinione tua, legittima, per carità, ma pur sempre un’opinione. Il fatto è che un uomo è stato chiamato a novembre per arrestare Riina. A Febbraio l’ha fermato. Tre mesi di tempo per fare quello che nessuno in 20 anni ha voluto fare. E allora chi è da processare? Chi ha fatto il lavoro o tutti quelli che per 20 anni sono stati a guardare? Oppure, come diceva Ultimo, se voleva aiutare Riina, non sarebbe stato più facile fare come tutti gli altri? e cioè non cercarlo affatto?

    Seppure questa storia fosse vera, il “capitano Ultimo”, non l’ammetterebbe mai. A noi nn resta che credere a quel che ci pare più logico e sensato. In tutta onestà, pensare che tutto saltò per dei giornalisti curiosi…io non so voi, ma a me la cosa non quadra affatto.

    Perdonami, ma …. questa è una storia, non è un film. Riina è stato catturato da Ultimo, che piaccia a Travaglio o no. Che fuga di notizie ci fu, è un fatto che al processo è saltato fuori. Lo stesso Bolzoni ha detto che l’informazione è partita dall’ufficio stampa dell’arma. Gli stessi giornalisti hanno detto di essere stati convocati. Chi fece saltar fuori la notizia, si chiama Ripollino. Nessuno ha mai aperto un fascicolo su di lui. Notizie agli atti del processo.

    Stando sempre che nel mio teorizzare io spero di sbagliarmi, ma che si sia voluta cessare la lotta alla mafia è cosa che è sotto gli occhi di tutti. Il silenzio di questi anni ne è la prova.
    Ultimo e gli uomini che fermarono Riina restano degli eroi in ogni caso, ma dall’alto a mio avviso si decidono stragi ed arresti. Mafia e Stato convivono e si intrecciano nelle maniere più impensabili.

    No, non sono eroi, sono solo dei semplici carabinieri che hanno fatto il loro lavoro. Ognuno di loro è stato trasferito. Alcuni a far le multe. Alcuni hanno preferito lasciare l’arma. Nessuno ha avuto un premio. Ultimo l’hanno eliminato senza tritolo, così come accade in altri casi simili. Prima la mafia aveva bisogno di ammazzare. Adesso ci governa. Questo è il problema.

    Questo è il mio pensiero, contro corrente a quanto vedo, ma semplicemente il pensiero di uno qualunque che non fa deglii scritti di qualcuno la bibbia, che siano essi giornalisti affermati come Marco Travaglio o Eroi Decorati come il Capitano Ultimo.

    ULtimo non è stato decorato da nessuno. Gli hanno tolto la squadra, abbassato le note caratteristiche, nessun premio. Solo un trasferimento per evitare che non facesse altre operazioni simili. E ci ritroviamo a questo punto. Non sei contro corrente. Sei perfettamente nella corrente di Marco Travaglio. Il problema è che costruire e lottare costa sacrificio, smerdare qualcuno senza motivo, ma solo con ipotesi e pensierini, fa vendere. Ultimo ha lavorato, come ha lavorato Falcone. Ultimo è stato denigrato, come è stato denigrato a suo tempo falcone. E come ci stanno provando con De Magistris. Sono corsi e ricorsi storici. Tanto il tritolo non serve più. C’è Travaglio che fa le sentenze. Infangare è utile. Fa vendere

    La malattia dell’Italia in fondo è questa: si sceglie in quale curva stare e ci si comporta da Ultras. Io osservo dalle tribune centrali. Gli insulti e le violenze della curve le lascio a chi ha volontà di crear conflitti e non giungere mai alla verità.

    La differenza tra noi e travaglio, è che lui è pagato per dire certe cose. Noi non abbiamo nessun padrone. Anzi, siamo anche impopolari nel contraddire un guru come lui. Però, questo sito è frutto di un lavoro vuoto a perdere, non viviamo di questo. Ogni collaboratore ha un suo lavoro. Questo è solo frutto di volontà di sapere la verità. E abbiamo scelto di cercarcela da soli. Senza le procure che ci tirano i fili per muoverci.

    Scusa la foga, ma ripeto… io alle udienze c’ero. Travaglio non mi risulta di averlo mai visto. L’esperto parla, ma è come parlare della luna stando seduti sul water. Se non sono preparata su un argomento, non ne parlo. Mi informo e poi ne parlo. Su molte cose sono ignorante, ma questo caso l’ho seguito. E con sacrificio. Molti altri non possono dire altrettanto.

    E se questa sembra superbia, va bene. Per me è solo ricerca di verità. Senza rientro di un soldo bucato. Potrei stare dalla parte del potere.. sarebbe più comodo, avrei mille vetrine per parlare. Fare il personaggio scomodo come Travaglio, che ha mille palcoscenici. Mi viene da pensare.. ma è scomodo per chi?

    saluti
    antonella serafini

  6. personalmente ritengo ridicolo che si scriva incessantemente di fatti e avvenimenti, peraltro sempre gli stessi, senza giungere a spiergarsi mai.
    che due persone, si suppone, d’intelletto, giochino a ping pong da mesi sul web, senza mai affrontarsi e confrontarsi direttamente ergo, senza giungere ad un chiarimento.mai.
    amenochè chi riceve critiche continue da chi non ha vissuto realmente fatti e avvenimenti sopra e stra citati,comprenda che non è tenuto a dare per anni spiegazioni sul suo operato e lasci intelligentemente perdere le accuse di chi crede di possedere il lume della giustizia.

  7. Ridicolo è aprire bocca farfugliando falsità su falsità, per incrementare un “lavoretto” che le ricamatrici in convento fanno certamente meglio di tale Marco!

    Non è ridicolo, invece, chi difende un fatto vissuto realmente, lealmente, provato oltretutto su un banco dibattimentale nei minimi dettagli, da ultimo soldato straccione.

    E’ così semplice, chiaro e lineare.

    Invece, c’è chi s’intreccia nei fili da ricamo a causa della “delicatessen” di mr. Mangiafuoco che in cotal modo muove buffamente i suoi burrattini a far finta di non capire!

    Al circo dei pagliacci non poteva che aggiungersi il teatrino dei burrattini! PATETICI E DISGUSTOSI_

    drjeckyll
    versione sioux

  8. reppatevi què!

    (“l’epoca” dei “BAT”, che sta x BATTAGLIA)
    ————–

    “Sto foco m’avissa bruciare
    sogno pronto a diventare cinere
    s’avissa thradire ‘o giuramento
    che staia pe’ fare!”

    “Giuri ripetendo la formula di rito!”
    “Giuro di essere fedele
    alla Repubblica Italiana e al suo capo,
    di osservare lealmente le leggi dello Stato
    e di adempiere con coscienza
    ai doveri inerenti al mio compito!”

    HANNO CERCATO DI NASCONDERE LA VERITA’

    DIETRO SEGRETI SUBDOLI

    DIETRO DEMAGOGIA DI PERSONAGGI SUDICI

    TROPPI FIGLI DI PUTTANA COL POTERE IN MANO

    TIRANO LE FILA DEL MONDO IN CUI VIVIAMO!

    CERCHIAMO DI CAPIRE COSA CI STA DIETRO (sai!)

    INTORNO SOLO OMERTA’, SILENZIO E BUIO TETRO

    POI QUALCUNO PAGA DI TANTO IN TANTO (sì…)

    MA INTANTO LO SA DIO LA GENTE CHE ABBIAMO PIANTO!

    CAZZO! (ehi!!) E’ SEMPRE LA STESSA MUSICA

    DA CAPACI, VIA D’AMELIO, BOLOGNA, USTICA!

    A VOLTE RESISTI SOLO SE VALI (sì…)

    POI SCHIACCIANO UN BOTTONE

    E SALTI IN ARIA COI TUOI IDEALI!

    SENTI FITTE DENTRO AL VENTRE

    MA APPENA ARRIVI ALLA VERITA’

    TI CHIUDONO LA BOCCA PER SEMPRE!!

    MA C’E’ UNA COSA CHE LA STORIA CI HA INSEGNATO:

    A VOLTE E’ MEGLIO PIANGERE SUL SANGUE VERSATO!

    “Rabbia! Sdegno! Protesta!

    Palermo si ribella a questa

    logica del terrore!

    Cittadini d’ogni condizione

    depongono fiori

    sul lugo dell’attentato!”

    ABBIAMO CONTATO MORTI,

    VISTO VOLTI SCONVOLTI (sai)

    SUBITO, SEMPRE, SENZA MAI OPPORCI

    DANDO FIDUCIA A GENTE INETTA SENZA SCRUPOLI

    CHE HA SCRITTO CON IL SANGUE NUOVI CAPITOLI

    DI QUESTA STORIA, DI QUEST’EPOCA

    POLITICI, COLLETTI BIANCHI, PERSONE MA SENZA ETICA!

    E ADESSO NE PAGHIAMO NOI LE CONSEGUENZE

    DI QUESTO DISEGNO POLITICO SOLO PERDENTE!

    E NON OSSIAMO FARCI NIENTE (no!)

    PENSIAMO GIA’ AL FUTURO

    MA NON RIUSCIAMO A VIVERE IL PRESENTE!

    ABBIAMO LIMITI SEMPRE PIU’ DEMARCATI

    SIAMO SPREGIUDICATI MA VIVIAMO LEGATI

    MANI E PIEDI IN QUESTA STORIA ANCHE QUESTA VOLTA (sai)

    CERCANDO NEL BUIO UNA CAZZO DI SVOLTA!

    LA VERITA’ SI CELA DIETRO QUALE LIMITE

    MA SCOPRIRLA E’ COME CRUISE:

    MISSIONE IMPOSSIBILE!

    “La cosa più crudele che esiste

    a questo mondo

    è che non c’è ritorno!”

    HANNO DISTRUTTO PROVE

    OCCULTATO FATTI

    FATTO PASSARE I PALADINI

    PER DEI VIGLIACCHI

    NASCOSTO ANNI DI COSCHE,

    DI SOLDI E LOSCHE…

    ANNI DI BUGIE E DI PERCHE’

    SENZA RISPOSTE

    PERCHE’ CHI SAPEVA NON HA FATTO NIENTE

    CHI HA FATTO, L’HA FATTO INUTILMENTE! (già!)

    TROPPA GENTE CHE MESSA ALLA GOGNA

    HA COSTRETTO I DEBOLI

    A PARTECIPARE ALLA MENZOGNA

    CON LA MEDIOCRITA’, CON LA FALSITA’

    SONO RIUSCITI A TRASFORMARE

    L’ONESTA’ IN VILTA’_

    EH, FRA’! CAPIRE E’ SEMPRE PIU’ DIFFICILE

    QUANDO TI TROVI DAVANTI A QUALCOSA DI SIMILE

    CERCHI DI CAPIRE

    CERCHI DI VEDERE

    MA AVEVANO DECISO

    CHE NON DOVEVAMO

    SAPERE!

    IL VERO E’ SOLO UNA CHIMERA (lo sai!)

    NIENTE SCHELETRI NEI NOSTRI ARMADI

    SOLO ABITI DA SERA!

    —————–

    Meglio straccioni,
    SIEMPRE!

    d.j. sioux

  9. Il calunniatore è simile all’uomo che getta polvere contro un altro quando il vento è contrario; la polvere non fa che ricadere addosso a colui che l’ha gettata. L’uomo virtuoso non può essere leso e il dolore che l’altro vorrebbe infliggere, ricade su lui stesso.

    buon anno

  10. Ho sentito Travaglio personalmente in un incontro a Pisa. Anche in quel caso ha fatto un accenno all’arresto di Riina. In particolare ha, effettivamente, posto delle domande molto logiche. Ma quello che mi interessa sapere sarebbe altro: le giustificazioni date ai loro superiori sono state, come riferisce Travaglio, del tipo “gli uomini erano stanchi”? Perché se così non é, Travaglio dovrebbe essere denunciato per diffamazione. Che poi nel ’99 Montanelli si fosse espresso a favore di Ultimo, non trova grande motivo di scandalo secondo me: sapete quante volte ho litigato con mio padre… Ma chi sostenesse che io per questo abbia tradito la mia famiglia sarebbe ovviamente in errore. Montanelli mica ha fondato una setta, e Travaglio può esprimere opinioni e valutazioni che non ricalcano quelle del suo mentore. Si dice – in parole semplici – che Riina se lo sia venduto Provenzano (una latitanza molto strana) e che, prima, fosse protetto da Contrada. Se questo intrigo lo diamo per plausibile, l’ipotesi di Travaglio su un accordo (non su un “favore”) con la mafia non cade certo come un fulmine a ciel sereno. Personalmente, trovo troppo candida la ricostruzione di una normale operazione di cattura rovinata da dei giornalisti… caduto Riina, per sola iniziativa repressiva, non ci si poteva aspettare il ritorno delle stragi o, almeno, un attentato di ritorsione?
    Questo non significa che, se accordo c’é stato, sia stato organizzato per forza dal capitano. Credo che Travaglio voglia provocare risposte in quella direzione, perché ritenga semplicistico pensare ad un incidente, e così la pensano in tanti.

    Django

    When day is done.

  11. ..non avrebbero dovuto processare “ultimo” se così fosse,
    trovarsi sotto processo non è tanto bello e chiaro che poi hai da dire se non centri nulla, io che mi occupo di asm guardo sempre dietro una “call” non mi soffermo e se posso dumpare dumpo senza pieta’, pero’ in questo caso hanno processato la call… dovevano processare quello che stava dietro e scoprirlo prima, ma che ragionamenti fa Travaglio e che si vergogni.
    ciao

  12. Si dice – in parole semplici – che Riina se lo sia venduto Provenzano (una latitanza molto strana) e che, prima, fosse protetto da Contrada. Se questo intrigo lo diamo per plausibile, l’ipotesi di Travaglio su un accordo (non su un “favore”) con la mafia non cade certo come un fulmine a ciel sereno.

    Carissimo, sarò illusa io, ma ripeto quello che ho detto e scritto in centinaia di articoli e post e forum ecc ecc.
    A seguire le udienze, travaglio non c’era, non ha seguito i fatti. Perchè lo so? perchè lo riconosco, e in aula l’ho cercato.. e mai trovato
    tornando al tuo post.. perdonami, ma un giornalista, come travaglio dovrebbe essere, non può parlare con “si dice che, si vocifera che, la portinaia mi ha detto che sua zia le ha riferito”. Quando riuscirà (e non ci riuscirà) a portare le prove che le sue insinuazioni sono dei fatti, allora chiedo scusa a tutti in pubblico, mi prostrerò ai suoi piedi, farò un video in cui dirò che Travaglio è il mio Dio. Giuro che lo faccio. Ma fino ad allora, finchè io parlo con oi documenti e gli atti processuali, e lui parla di “si dice che”, onestamente parliamo due lingue diverse.

    Mi chiedo come mai, ad annozero, oggi, su una puntata dedicata alla mafia, non abbiano speso UNA sola parola contro un giornalista (vero giornalista, non come lui) che la mafia lo colpisce fisicamente.

    Ultimo fa bene a non denunciare travaglio. NOn lo farei neanche io. Un’altra cosa di cui vantarsi, “AVERE LA DENUNCIA DI ULTIMO” per apparire il martire dell’informazione. Lui, l’onnipresente… lo scomodo… ma scomodo a chi?
    è ovunque!

    “A coloro che potendo intervenire non sono intervenuti, tutti il nostro disprezzo”
    Ultimo

  13. 885fe0adbe5b0d72eadbc407cb5ca461
    The Constitution of Belarus is the supreme law of Belarus. frasi ringraziamento lutto, vocabolario giapponese italiano. Adopted in 1994, three years after Belarus declared their independence from the Soviet Union, this formal document establishes the framework of the Belarusian state and government and enumerates the rights and freedoms of its citizens. le piu belle frasi, Xxx Housewife Free. The contents of the Constitution include the preamble, nine sections (including eight chapters) and one hundred and forty-six articles. download video pubblicita happy hippo, Puntatori per mouse gratis. The contents were heavily influenced by constitutions of Western powers and from Belarus’s time in the Soviet Union. pokemon rubino evoluzioni, honda tagliaerba. While much of the Constitution explains how the government is established and carried out, an entire section deals with the rights and freedoms granted to citizens and residents. mature hard, mutuo casa banca intesa. The Constitution has been amended twice since the original adoption; in 1996 and in 2004. prolasso rettale, Puntatori per mouse gratis. In the amendments approved by the Belarusian populace, the power of the presidency over the government was increased and the term limits for the presidency were eliminated. foto lorella cuccarini, Roberta Missoni Foto Gratis. In the preamble of the Constitution, Belarus assumes the responsibility of its destiny as a member of the international community. film porno animale gratis, le piaga d egitto. To execute this responsibility, the government will show “adherence to values common to all mankind, founding ourselves on our inalienable right to self-determination,” which is frasi ringraziamento lutto, Cantanti Italiani. “supported by the centuries-long history of development of Belarusian statehood.” prolasso rettale, inculate gratis. Belarus also pledges to honor the rights and freedoms of its citizens and to maintain a stable government that is run by the people based on the rule of law.

Comments are closed.