Petizione per un combattente

Cronaca, Giustizia, Mafia, Personale No Comments


arcierejr6www.censurati.it
si schiera al fianco di un combattente onesto, senza aspettare il momento in cui la cosa sarà ufficiale. Noi noi non vogliamo dire “aspetto la fine del processo”, perchè la stessa esistenza di un processo come questo è un delitto e un disonore per tutte le persone oneste. Un esercito di straccioni e di sognatori, non si piega con queste intimidazioni di palazzo.

Firma la petizione anche tu

Toto arresti. Avanti un altro

Cronaca, Giustizia, Personale 1 Comment

snaigx0Qualche tempo fa, ci occupammo della battaglia di indio, un ragazzo che stava cercando di fare informazione sulla legalità delle bollette dell’acqua. Ne scaturì anche un servizio giornalistico che abbiamo messo come podcast, sul sito. A distanza di tre anni, quasi per gioco, abbiamo provato a fare un toto arresti. E discutendo discutendo, abbiamo osato pensare (in virtù anche dell’articolo che avevamo fatto) che sarebbe potuto finire al gabbio nientemeno che il comandante della stazione de La Maddalena. E’ passato molto tempo, ma abbiamo osato dirlo, e non molto tempo fa tutti i tg hanno aperto con la notizia che “il comandante Mele è stato arrestato per associazione a delinquere”. Io non ci avrei mai scommesso, ma avrei scommesso sul personale dell’ufficio tecnico che aveva per le mani le graduatorie dei lavoratori, da cui veniva escluso sistematicamente Indio, pur avendo i titoli per lavorare lì. L’ufficio tecnico gestiva gli appalti dei servizi sulla potabilità dell’acqua. Presto detto: una settimana fa esce lo scandalo (di cui nessuno si stupisce), che sono inquisiti alcuni dipendenti dell’ufficio tecnico.

Ora, dal momento che la nostra “preveggenza” ha funzionato, vorremmo azzardare un toto arresti per il futuro. Secondo meeeeeeeeeee, secondo meeeeeeeeeeeee, la palla di vetro mi dice cheeeeeeeeeeeee, il prossimo in manette è il capo dei vigili de La Maddalena. Quello che ogni volta che si segnala una villa abusiva gira la testa dall’altra parte, mentre quando si attaccavo i volantini sull’acqua, era il primo che faceva storie.

Scommettiamo che la palla di vetro ci da ragione anche sta volta?