L’hai capita la morale?

Personale 2 Comments
pensieri e parole di.. Marina Pera

 

Aspetto sto treno da 4 minuti…che me sembrano 20. Er tempo non passa più quanno aspetti, specialmente si nun vedi l’ora de mettete sotto le pezze, cammini pe inerzia e sei incartapecorita dar freddo. Ripenso alla giornata de oggi. Me so svegliata alle 4 meno un quarto stanotte e alle 4 e mezza stavo alla fermata dell’auto a aspettà nel gelo l’auto pe andà a lavorà. Ho lavorato. So tornata a casa, ho spicciato, me so buttata un attimo sur letto e poi so ripartita pe lavorà n’artra vorta. Ho rilavorato e mo sto a tornà. Fa freddo. C’ho fame. Me rode er chiccherone perchè ancora non hanno inventato er teletrasporto..
Arriva sto treno e me metto seduta, visto che arriva voto perchè sto al capolinea…
Tiro fori er telefono, gioco a snake..armeno non conto i secondi che me separano dar letto.
Intorno non guardo gniente, tanto fa tutto schifo e tutti sti rompicojoni che vonno le strafiche…ma loro se so guardati? non solo so tutti brutti, so pure uno peggio dell’artro! E so tutti incazzati. No no…via da me!
Qualche fermata e er treno s’empie de gente. Chiacchierano, se spingono pe montà, se lamentano de tutto…io gioco. Sti cazzi!
Una se mette seduta vicino a me, l’amica sua resta in piedi perchè nun c’è posto. Io non l’ho manco guardate. A tutte e due. Le sento..e dalla voce me pareno brutte, perciò che le guardo a fa? So pure milanesi! Quella seduta se lamenta che je fa male una “piegolina della calza nel piede” e quella in piedi je risponne “Eh, lo so…abbiam cammina tanto!”
Se lamentano che a Roma c’è er casino, come si Milano fosse er Lussemburgo..
A na certa quella in piedi se ne esce:
“Certo…a noi da bambini insegnavano diversamente”
e quell’altra non risponde, e quella continua…
“Vedi pure quello stronzetto laggiù? c’è una signora vecchia vicino e lui è seduto”
e quell’artra dice:
“Siamo a Roma!”

Bè..io nun c’ho visto più…e nun c’ho manco guardato. Senza arzà l’occhi je faccio a quella seduta:
“A signò, ma lei lo sa perchè l’impero l’hanno fatto i romani e no i milanesi? E lo sa perchè? perchè nun apreno bocca e je danno fiato! E lo sa che ve insegnavano diversamente a voi da regazzini? che er rispetto è un diritto de nascita…io invece dico che sulla tazza der cesso semo tutti uguali perciò finchè nun te lo guadagni in piedi resti. Nun ho capito perchè io sto in giro che casco e pendo perchè ho lavorato e me devo fa pure er viaggio de ritorno in piedi pe fa poggià er culo a na turista stronza milanese che è venuta a lamentasse der casino che c’è a casa mia, che nun je sta bene gniente e che se viene a fa le vacanze in bassa stagione perchè è na micragnosa e nun c’ha na lira e vò fa la signora che è stata a Roma!”

Quella in piedi prova a ribatte che se non altro era pe carità cristiana che me dovevo arzà allora me so proprio fomentata…capirai, fino a 10 anni le monache m’hanno rincojonito co ste cose…

“Ma lei è sicura che vole pià sto discorso? no perchè a me me risulterebbe che sur vangelo ce sta scritto CHIEDI E TI SARA’ DATO…insomma Gesù Cristo nun ha detto PRETENDI E SI NUN TE LO DANNO INCAZZATE! E la sa na bella storia? Quella der cavaliere bianco e er cavaliere nero?”

Quella me guarda co l’occhi de fori e quanno me giro a vedè l’amica sua, pure quella stava cor fiato ritirato…sento un paio de sghignazzate de quarche ragazzo che stava lì attorno e finalmente me arzo…perchè devo scende però.. e je dico:
“bè…s’enformi, che er cavaliere nero so io!”

Poi ce ripensi no? e dici…me sarò incazzata pe gniente, ho esagerato? se avessi esagerato, l’artri degni concittadini romani, non me l’avrebbero fatto l’applauso.