Trilussa di borgata. Terrorismo for dummies

Politica 1 Comment

risveglio2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Er monno è come ‘n palazzo o un arbergo, de quelli enormi, pieni de finestre, ‘na specie de grattacielo.
Ogni cammera corisponne a ‘na nazione e c’ha un livello differente d’illuminazione, in certe se distingueno bene persone e cose, in cert’antre nun ce se vede gnente, quarchiduna sta in penombra; ma stateve certi che puro nella stanza ando’ fa sempre giorno, cor cazzo che potete controllà sotto a’letto o drento l’armadi…
Certi giorni così, de botto, ‘i padroni de l’arbergo appiceno la luce a tutta callara dentro ‘na stanza scura.
Allora la gente pò vede tutte le porcherie, le violenze e l’ingiustizie che ce se fanno drento; e cominceno a strillà: “A zozzi, a bojaccia, a ‘nfame!” e cominceno a disse tra de loro : ”Tocca fà quarcosa, bisogna fermalli, je dovemo portà la democrazia a sti poracci!”.
Quanto so fregnoni…
Nun penseno che drento a tutte l’antre stanze scure succedeno le stesse cose, si nun fanno pure de peggio.
E drento all’angoletti più anniscosti de le stanze belle, nove e sbrilluccicanti nun è che le cose so’ tutte rose e fiori.
Ma noi, la gente, sempre a dì: ”hai visto che roba, tocca esportajela sta democrazia!”.
Li padroni der palazzo, nun è che appiceno le luci a caso, drento quelle stanze c’hanno l’impicci loro: o er ‘governatore de la cammera’ nu je permette de fà passà i tubbi der gasse, o è amico de li nemichi, o è nemico de l’amichi, lo sanno solo loro (noantri puro potressimo, ma toccherebbe aprì l’occhi…).
Allora che fanno li padroni der palazzo?
Se metteno d’accordo co li peggio criminali, matti fracichi, assassini e tajagole, basta che so nemichi der nemico… Je danno armi e quatrini e je prometteno che la stanza sarà la loro si riescheno a conquistalla.
A st’infamoni je fanno pure da ufficio stampa, da ‘pubbriche relazioni’, li fanno passà pe eroi, pe partigiani, pe idealisti; e si quarchiduno dice er contrario lo cojoneno, lo fanno passà pe scemo der villaggio, pe nostalgico o pe estremista.
Sta tattica de solito funziona, ma l’operazione ha da esse un furmine. ‘Na vorta finito er cammio de regime, s’arismorceno le luci della cammera e bonanotte ar secchio!
Però quarche vorta er governatore de la cammera è più tignoso de quello che ‘i padroni s’aspettaveno.
Allora le cose vanno pe le lunghe e là sò cazzi…
Li tajagole, ‘i sorci de chiavica a la lunga se fanno conosce pe quello che sò, cominceno a fà stragi, scempi, massacri e distruzioni, e dopo un po’ l’ufficio stampa nun abbasta più e la gente comincia a vede le cose come stanno, che ‘i sorci… Sorci so e sorci resteno.
Allora sempre più spesso se sente dì: ”sta a vede ch’era mejo er puzzone…”.
‘N antro probrema è che li matti… Matti so e matti resteno.
E come cani ‘nservatichiti nun ce penseno du vorte a mozzicà le mano che j’hanno dato da magnà.
Cominceno a fà danno pure a casa de ‘i padroni e de l’amichi der padrone.
Sto genere de danni poi, finché succedeno a casa de l’antri, so normali: “So servaggi, s’ammazzeno tra de loro, è ‘r prezzo de la democrazia…”
Ma si succedeno a casa nostra o de quelli ‘come noi’ hai da vede come strignemo er culo.
La fortuna de li padroni è che, abituati come semo a spegne er cervello, nu’ je la famo popo a fà due più due, e così se senteno le mejo cazzate: lo scontro de civirtà, le guere de religione, le religioni de l’odio, sò tutti bastardi…
E tutti se strigneno intorno a ‘i governanti che dichiareno: ”Popolo bello, popolo caro, semo in guera, anzi sete in guera!” e se fanno belli, fanno ‘i sarvatori de ‘a patria, e guadagneno popolarità.
Nisuno che je dicesse:
” A ‘nfami, ma fino a mo che cazzo avete fatto? C’avete rincojontio de fregnacce, so decenni che l’allevate sti sorci, l’avete creati voi, l’avete campati voi pe potevve fà li cazzacci vostri e de ‘i padroni der palazzo.
Tutti sti morti so corpa vostra, tutte st’anime innocenti, e sò corpa nostra che v’avemo lassato fà, che nun avemo aperto l’occhi, pe interesse o pe menefreghismo, sete zozzi de sangue, sete fracichi de sangue, sti boja che nun sete antro!
E quarche goccia de sangue cade pure su le mano nostre.
Armeno smettetela co ste facce da cazzo de circostanza e pijateve le responsabilità vostre.
E noi pijamose le nostre!”
MP