Censurati.it

Padroni di niente, servi di nessuno

ultimo

non dobbiamo,
non possiamo allontanarci dalla poverta’,
dall’assoluta semplicita’ che da sempre sono la nostra forza piu’ grande,
la nostra sfida piu’ grande alla leziosita’, alla rituale opulenta
apparenza che fa marcire i fiori piu’ belli,
alla raffinata complessita’ che alimenta le sovrastrutture che calpestano sogni e valori.
La lotta ci deve unire,
contrapporre l’esempio, l’azione alla celebrazione, e’ il nostro reato piu’ grave.
Lasciamo i salotti ai cortigiani,
lasciamo l’ambigua raffinatezza ai sofisti
lasciamo l’inganno a chi si logora nel potere per il potere
qualunque esso sia.
dobbiamo respirare il profumo leggero della semplicita’
dobbiamo respirare la dolcezza profonda di un’amicizia fatta di
poche cose semplici, perche’ noi siamo questo.
perche’ voi, tutti voi siete questo.

ultimo

Commenti Facebook

3 thoughts on “ultimo

  1. Condivido pienamente i tuoi ideali, sia da militare che da persona umana e civile. Noi sicuramente non ci fermeremo davanti a nulla, qualsiasi muro lo scavalcheremo per arrivare a coronare i nostri obiettivi, affinch

  2. Niente commenti,in giro ce ne sono fin troppi;un po’ dettati da una coscienza vera,altri da semplici sfoghi personali…
    Ti scrivo solo per un semplice saluto,perche’ l’immagine di te, seduto ad un tavolo con su la bandiera del Che, mi e’ rimasta impressa,perche’ due volte hai risposto alle mie e-mails e per me e’ stato davvero emozionante e perche’ credo in te,nella tua anima profonda e bruciante.Le parole servono a poco a volte, ma non dimentichiamo che, come scriveva Goethe,hanno un grande potere.
    Ciao Sergio, un bacio,Francesca

Comments are closed.